Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Da Genova alle riviere, il quotidiano viaggio della passione dei pendolari fotogallery

Odissea quotidiana in entrambi i sensi di marcia: la giornata "tipo" del pendolare

Più informazioni su

Genova. C’è chi esce dal lavoro, ma mezz’ora prima, perché altrimenti dovrebbe aspettare due ore in stazione. C’è anche chi fa un pezzo di strada in auto, visto che a tornare a casa proprio non ci riesce più. E quei “fortunati” che riescono a salire a bordo trascorrono decine e decine di minuti pressati l’uno contro l’altro.

La situazione del trasporto ferroviario per i pendolari va di male in peggio e a dare la mazzata finale è stato il nuovo orario regionale.

“Io – spiega il nostro lettore Riccardo Notari, che ogni giorno percorre per lavoro la tratta Savona-Genova Sampierdarena – ho già scritto a Trenitalia e anche alla Regione. Come me lo hanno fatto in tanti, hanno risposto che prenderanno in considerazione la nostra situazione. La verità è però che con gli ultimi recenti accorpamenti viaggiare è diventato impossibile”.

Capita di non riuscire a salire a bordo o di rinunciarci, capita di perdere il treno e di dover aspettare a lungo. “Prima viaggiare non era certo piacevole, ma scene simili non si vedevano tutti i giorni, ora è la normalità. E io ho appena rinnovato l’abbonamento”.