Quantcast
Una bandiera

Chiavari, al “Comunale” una targa dedicata a Ermes Nadalin

La cerimonia prima dell'incontro tra Virtus Entella e Novara

comunale chiavari

Chiavari. Domenica 31 gennaio alle 16,45, prima della gara tra Virtus Entella e Novara, si terrà la cerimonia di scopertura della targa dedicata a Ermes Nadalin, storico giocatore della Virtus Entella, a cui è stata intitolata la gradinata Sud dello stadio “Comunale” di Chiavari. Saranno presenti il presidente Antonio Gozzi, il sindaco Roberto Levaggi e la famiglia.

Il presidente della Virtus Entella, Antonio Gozzi, afferma: “Una bellissima notizia. Nadalin aveva i colori biancocelesti tatuati sulla pelle. Ha significato correttezza, serietà, lealtà, senso di appartenenza. E’ stato un simbolo di attaccamento alla maglia che nel calcio moderno rappresenta sempre più una rarità. Da oggi quella resterà per sempre la sua gradinata”.

“Ringrazio la società Virtus Entella per l’idea di intitolare la gradinata sud del nostro stadio ad Ermes Nadalin – dice Roberto Levaggi, sindaco di Chiavari -, leggendaria bandiera dell’Entella negli anni ’60, recentemente scomparso. L’amministrazione comunale ha subito accolto con grande favore questa proposta ed ha tempestivamente provveduto ai necessari atti. Nadalin è stato un esempio come calciatore ma va ricordato anche per la sua grande umanità. Si è trasferito qui giovanissimo dal Friuli Venezia Giulia innamorandosi immediatamente della nostra riviera e della nostra città: ci conoscevamo personalmente e con me, con mio padre e con tutta la mia famiglia aveva un rapporto di affetto e di sincera amicizia. E’ stato un vero esempio di uomo e di atleta e in quanto tale, il minimo che si potesse fare era offrirgli questo piccolo ma sentito tributo anche perché lui, per l’Entella e per la nostra città ha dato il cuore”.

Questo l’estratto della delibera di Giunta: “Ermes Nadalin era nato ad Aquileia il 15 gennaio del 1938. Tira i primi calci nella squadra della sua città, dalle giovanili fino alla prima squadra, in promozione. Dal 1956 fino al 1958 giocò nelle giovanili della Sampdoria vincendo con la squadra il Torneo di Viareggio. Nel 1958/1959 il passaggio alla Lucchese in Serie C e l’anno successivo l’arrivo all’Entella nel mercato di riparazione. Sono seguiti due anni da calciatore nella Caperanese e un anno al Ri Calcio. Autentica bandiera biancoceleste, Nadalin gioca la prima partita con la maglia dell’Entella contro il Valle d’Aosta, la prima partita al “Comunale” di Chiavari nel derby del Tigullio contro il Sestri Levante. Alla fine sono 14 stagioni in maglia biancoceleste – nel corso delle quali segnò 8 reti – totalizzò 388 presenze, record ancora oggi imbattuto. Pur non essendo chiavarese, ha amato tanto l’Entella. Quando è stato sostituito il manto in erba naturale con uno in sintetico, Nadalin si era portato a casa una zolla del terreno del Comunale perché sul quel campo aveva passato giorni e anni importanti. Nadalin è morto il 4 ottobre 2015″.