Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Asl 4 senza piano di assunzioni, la denuncia dell’Usb: “Siamo al collasso”

Chiavari. “Il nostro sindacato l’aveva denunciato il 26 novembre scorso, il giorno dopo l’applicazione della direttiva europea sul nuovo orario di lavoro per il personale medico che doveva tutelare la sicurezza degli operatori oltre che la salute dei malati: senza nuove assunzioni siamo al collasso e l’assistenza sanitaria rischia concretamente disservizi e blocchi”. Lo scrive in una nota l’Usb, dopo l’incontro avvenuto ieri tra la direzione dell’Asl 4 e i sindacati.

“Ci attendavamo la presentazione di un piano di assunzioni aziendale, ma ci è stato comunicato dal Commissario che l’Azienda è in attesa di indicazioni al riguardo da parte della Regione che il 15 gennaio dovrebbe emettere una delibera in merito. La faccenda è che non ci sono soldi per nuove assunzioni e che in mancanza di risorse economiche (che dovranno essere indicate dalla Regione) l’unica soluzione è la riduzione dei servizi sanitari”, prosegue Roberto Mattioli, delegato Rsu per il sindacato Usb Sanità Tigullio, ricordando che l’azienda sanitaria genovese, nella ripartizione del Fondo Sanitario Nazionale ha subito per l’anno 2015 ulteriori tagli imposti dal Governo (2,5 milioni in meno rispetto al 2014).

“Nell’ultima legge di stabilità, approvata dal Governo a fine anno, è stata concessa alle Regioni la possibilità di assumere personale sanitario a tempo determinato (senza fra l’altro indicare risorse economiche certe) con contratti dal 1 gennaio al 31 ottobre 2016, in attesa dell’emanazione dei concorsi. Entro fine febbraio le Regioni dovranno inviare al Governo l’elenco del personale da assumere e quindi ogni Asl dovrà a sua volta inoltrare alla propria Regione un piano assunzioni – continua la nota – Tra tagli e mancate promesse ancora una volta assistiamo al rimpallo delle responsabilità tra Governo, Regione e Asl e in mezzo ci troviamo noi dipendenti e cittadini a rimetterci. Amaramente registriamo ancora una volta come i soldi si trovano per appalti e lavori ma magicamente scompaiono quando si tratta di assumere nuovo personale. I lavoratori non sono più disponibili a tappare i buchi del servizio sanitario pubblico e a sobbarcarsi il lavoro di personale che non c’è”.

“In attesa che le parti in causa capiscano la gravità e l’insostenibilità della situazione abbiamo invitato i
i colleghi a segnalare per iscritto alla Direzione e ai Delegati Sindacali ogni problematica di reparto dovuta alla mancanza di personale. Invitiamo gli utenti a fare ugualmente presso l’URP dell’ Asl4 e il Tribunale del Malato in caso di gravi disservizi e di riduzione dei servizi sanitari”, termina l’Usb.