Quantcast
Anno giudiziario

A Genova aumentano reati ambientali e omicidi volontari

Anno giudiziario genova Bonavia

Genova. A Genova diminuiscono gli incidenti sul lavoro e quelli stradali (da 574 a 494) ma aumentano gli omicidi volontari, da 21 a 55, e soprattutto i reati ambientali: da 94 a 691. I dati sono contenuti nella relazione della presidente della Corte d’Appello di Genova Maria Teresa Bonavia all’inaugurazione dell’anno giudiziario celebrata oggi a Genova.

Aumentano i reati contro il patrimonio: furti in abitazioni (da 2332 a 2533), rapine (da 703 a 760) estorsioni (da 269 a 366) e usura (da 55 a 71). 234 sono stati i casi di riciclaggio e autoriciclaggio, diminuiscono invece i sequestri di persona a scopo di estorsione (da 37 a 3). Sostanzialmente invariati lo stalking (da 763 a 758) e la criminalità organizzata (da 69 a 77) mentre elevato continua a essere il numero di reati contro la pubblica amministrazione (2013), i reati tributari (909) in materia di edilizia e urbanistica (1.284) e i reati informativi (682).

Diminuiscono invece i reati di falso in bilancio e bancarotta fraudolenta, da 86 a 60. In aumento le estradizioni e i mandati di arresto europeo che passano dai 19 casi del 2014 ai 50 del 2015. Nel settore penale le notizie di reato segnalate da denunce, querele, esposti e rapporti a tutte le procure del distretto sono state 51.903 unità (142 al giorno).

I procedimenti definiti contro autori noti nel’anno sono stati 51.551, quelli pendenti a carico di persone note sono 57.244 unità, 2.238 i procedimenti prescritti “a causa degli organici inadeguati degli uffici della procura”