Protesta

Via Gherzi, commercianti e cittadini di nuovo in piazza per chiedere la riapertura dei parcheggi

Sono passati 450 giorni dall'inizio della vicenda

Genova. A distanza di 4 mesi dall’ultima manifestazione, i commercianti e i residenti di Molassana sono tornati in piazza, questa volta davanti a Palazzo Tursi, per chiedere il ripristino dei parcheggi liberi in via Gherzi.

“Ormai siamo esasperati, perché ogni mese che passa senza ricevere risposte, cresce il timore che il Comune di Genova voglia solo guadagnare del tempo, non sapendo come venire fuori da questa situazione – spiegano Dario (Jerry) Pedemonte, portavoce del Comitato esercenti di via Gherzi-Molassana, e Giacomo Cafasso, presidente del Comitato cittadini Gherzi-Lusignani – Con questa iniziativa vogliamo sollecitare la giunta ad esprimersi in modo da arrivare, entro Natale, alla chiusura dell’istruttoria della pratica di Via Gherzi. Chiediamo, inoltre, che venga convocata con urgenza la conferenza dei servizi con tutti i soggetti interessati per la definizione dell’uso pubblico di Via Luigi Gherzi”.

Sono passati 450 giorni dall’inizio dell’intera vicenda, ma nessuna soluzione è ancora arrivata. “Gli ultimi solleciti e richieste di convocazione di una nuova commissione consiliare ad hoc, sono stati puntualmente ignorati e non si può più attendere”, terminano i manifestanti.

leggi anche
  • La protesta
    Via Gherzi, giovedì nuovo presidio a Tursi per la riapertura dei parcheggi
  • La lotta prosegue
    Molassana, il deserto di via Gherzi un anno dopo la chiusura dei parcheggi
  • La protesta
    Il Ferragosto di via Gherzi è in piazza: “Brindisi amaro e i parcheggi restano chiusi”
  • Brindisi amaro
    A Molassana “il Ferragosto di via Gherzi” per chiedere la riapertura dei parcheggi
  • L'appello
    Via Gherzi, anche il Municipio chiede al Comune di concludere l’istruttoria sui parcheggi
  • Parcheggi di Via Gherzi, i Comitati ritirano la richiesta di sospensiva