Quantcast
Boom

Tutti in coda al Ducale per impressionisti e Brassai, turisti in aumento del 10%

Genova. Non solo violoncelli al Ducale di Genova ma anche una lunga fila di persone che si sono messe pazientemente in coda per visitare le mostre in programma al Palazzo, quella degli impressionisti, ma anche le splendide fotografie di Brassai. Molti i genovesi che hanno approfittato di queste giornate di “ponte” tra Natale e Capodanno ma anche numerosi turisti, arrivati nel capoluogo ligure.

Un segnale che dimostra, in concreto, quello che avevano già annunciato gli albergatori genovesi, che parlano di un aumento del 10% delle prenotazioni, sopratutto in vista del Capodanno, con i 101 violoncelli, che ha avuto forte risonanza su alcuni dei più importanti siti internazionali.

“Siamo riusciti a programmare tutto in tempo – spiega l’assessore al Turismo del Comune di Genova, Carla Sibilla – e ci siamo aggiudicati, da Trivago, ma anche da altri siti di vacanza, il ruolo di una tra le prime città italiane da frequentare per Capodanno. Siamo segnalati come città vivace e da non perdere. Gli albergatori confermano il tutto esaurito anche per i giorni successivi, almeno fino all’Epifania”.