Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Roma-Genoa, Gasperini: “Giocheremo con un’identità molto chiara” risultati

Più informazioni su

Genova. Dopo tre sconfitte in campionato e l’eliminazione in Coppa Italia contro l’Alessandria, il Genoa chiude l’anno a Roma con una delle partite più delicate della stagione.

Gli uomini di Gasperini, inoltre, devono fare fronte ad assenze importanti come quelle di Perotti e Pavoletti, entrambi squalificati per falli di reazione, di Burdisso e Costa.

Gasperini capisce la delusione e la rabbia di una parte della tifoseria, ma si ritiene offeso da un comunicato dei giorni scorsi in cui viene definito ‘narciso e avido’. “Perdere la qualificazione in Coppa Italia è stata una grande delusione, era una competizione in cui credevamo e c’erano le condizioni per andare avanti. Dalla sconfitta con il Carpi le cose sono cambiate di brutto, abbiamo veramente sprecato di tutto e la rabbia e la delusione dei tifosi ci stanno – ha spiegato oggi -. Ma chi ha redatto il comunicato e’ stato offensivo nei miei confronti e neanche veritiero”.

Il tecnico guarda avanti. “Dobbiamo ripartire forte e con la stessa determinazione che abbiamo messo in campo in tutte le partite, faremo così anche domani. Dobbiamo compattarci, se dai sempre il massimo poi le cose si aggiusteranno e cambieranno”.

Di fronte una Roma in difficoltà. “La Roma rimane, al di là delle difficoltà, una grande squadra con grandi valori e grande organico. Ma non abbiamo timore, giocheremo con un’identità molto chiara – ha aggiunto -. Certo non vai sul loro campo a dominare ma cercheremo di fare la nostra partita. Devi essere attento e concentrato, corri di più e sbagli di meno se sei un po’ più libero nella testa”.

Il Genoa affronterà la gara con il recupero di Dzemaili ma quattro assenze importanti: Perotti, Pavoletti, Burdisso e Costa. Potrebbe giocare con la difesa a quattro invece che a tre (Munoz, De Mayo, Ansaldi e Izzo), cinque a centrocampo, con Laxalt e Ntcham più offensivi, e davanti una sola punta, uno tra Gakpè e Pandev.