Quantcast
Rapallo

Rapallo, sversamento di gasolio in mare: individuata l’origine e limitato il danno fotogallery

Responsabile una cisterna di gasolio nel centro storico

Rapallo. E’ stata individuata l’origine dello sversamento di gasolio avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri sul lungomare di Rapallo, dove una grande macchia si è sparsa velocemente, come l’odore, avvertito dai cittadini in varie zone della città.

Stamattina, giorno di mercato, le esalazioni erano ancora piuttosto fastidiose, anche se la parte nelle immediate vicinanze della perdita era stata transennata. Nel frattempo, sono continuate senza sosta le operazioni di pulizia, dopo che ieri sera erano già state sistemate le panne di contenimento, fornite dal Porto Carlo Riva. Alle prime luci del giorno, invece, è entrato subito in funzione un battello pulisci mare.

“Siamo rimasti tutta la notte a monitorare lo svolgimento dei lavori e ringrazio particolarmente la polizia municipale, i vigili del fuoco, la capitaneria e il Porto di Rapallo, che ci ha fornito materiale prezioso per le operazioni di pulizia – dichiara il sindaco Carlo Bagnasco”.

In un primo momento il Comune aveva sporto denuncia contro ignoti, ma nel frattempo è stata individuata l’origine dello sversamento. “Il gasolio è uscito da una cisterna di un privato nel centro storico, subito dopo il pieno – prosegue il primo cittadino – da lì si è riversato nelle condutture delle acque bianche ed è finito in mare”.

In pratica si è trattato di un difetto nell’immissione del gasolio in un serbatoio della parrocchia dei Santi Gervasio e Protasio, precisamente in via Filippo Neri. Un bel danno per le acque del golfo, anche se per fortuna non si è verificato nel periodo estivo e la perdita è stata arginata.