Quantcast
L'appello

Rapallo, l’invito del sindaco ai presidi: “Un presepe in ogni scuola”

Rapallo. Invitare i presidi delle scuole a far sì che ogni Istituto cittadino abbia il suo presepe. È il messaggio contenuto nella lettera che anche quest’anno il sindaco Carlo Bagnasco ha fatto pervenire ai dirigenti scolastici cittadini in un periodo in cui la diatriba “presepe sì – presepe no” è diventata un caso nazionale.

“Quello rivolto ai presidi non è un obbligo, ci mancherebbe altro: l’amministrazione comunale non può imporre nulla di questo genere e sarebbe comunque lungi da noi farlo – precisa Bagnasco – Visti però gli episodi che si stanno verificando in alcuni plessi scolastici italiani, credo sia importante fare in modo che le nostre più antiche tradizioni e i nostri valori vengano preservati”.

Bagnasco conclude dicendo che la rappresentazione della Natività, al di là del significato religioso, rientra in un più ampio contesto legato alla cultura, all’ambito artistico e artigianale e a quello tradizionale del nostro Paese. “Il presepe, da questo punto di vista, dovrebbe essere simbolo di unione e non di divisione”.

leggi anche
  • Politica
    Presepe, Giaretti (FI): “Le istituzioni si attivino per difendere le tradizioni”
  • Guerra di religione
    Il crocifisso, il presepe….e la bestemmia, per il primo giorno d’avvento in Consiglio Regionale
  • Politica
    Presepe, Alternativa Tricolore: “uno in ogni piazza principale, scrivete ai sindaci”
  • Lega nord
    Un presepe come immagine del profilo Facebook, Piana: “Difendiamo le tradizioni”