Maxi sequestro

Non pagava le tasse, ristoratore di Rapallo nei guai: sequestrati un appartamento e una villa

Ha nascosto ricavi per oltre 1,5 milioni di euro

Rapallo. Non pagava le tasse e in questo modo riusciva a offrire prezzi altamente competitivi. Questo è quanto ha scoperto la guardia di finanza di Genova a Rapallo, che ha concluso una verifica fiscale nei confronti di un ristoratore, che ha occultato al fisco ricavi per oltre 1,5 milioni di euro, recuperando all’erario circa 164 mila euro di Iva evasa.

Nel corso del controllo è stato appurato che il ristoratore rilasciava regolare ricevuta fiscale ai propri clienti ma, successivamente, distruggeva i documenti e le scritture contabili al fine di nascondere i corrispettivi e non versare alcuna imposta al fisco.

Grazie all’evasione fiscale il ristorante riusciva a praticare prezzi “competitivi” a danno degli altri esercizi, con evidente turbativa delle regole di leale concorrenza nel mercato. Il titolare dell’attività è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Genova per i reati di omessa dichiarazione e distruzione delle scritture contabili.

Inoltre, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria del capoluogo ligure, è stato eseguito il sequestro di un appartamento e di una villa di proprietà del ristoratore, del valore complessivo di circa 790 mila euro.

leggi anche
  • Brignole e centro storico
    Crocifissi e gadget del Giubileo taroccati: maxi sequestro a Genova
  • In porto
    Pc, bici, televisori e scooter rubati pronti a partire per l’Africa: maxi sequestro a Genova
  • Cuccioli on line
    A Natale si intensifica il traffico illegale di cani: sequestro a Genova
  • Latitante
    Acquista 600 auto, poi le cede per compiere furti: maxi sequestro a Genova
  • Riva trigoso
    Tigullio, bancarotta fraudolenta con un “buco” di 950 mila euro e 8 milioni nascosti al fisco