Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Nei vicoli di Genova il dentista che aiuta gli “ultimi”

Dessypris: "Non si possono chiedere cifre esorbitanti a chi vive con meno di 500 euro al mese"

Più informazioni su

Genova. “Dentista sociale, onorari secondo lo stato del bisogno a operai, pensionati, contadini, studenti, artigiani e artisti”. Questa è la dicitura che appare su un cartello affisso da qualche tempo tra via Turati e via San Giorgio, che indica lo studio del dentista sociale Nicolas Dessypris, che ha aderito all’accordo siglato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, dall’Andi e dall’Oci nel luglio 2009 per offrire prestazioni odontoiatriche a prezzi calmierati alle persone in difficoltà.

La proposta è nata direttamente dall’associazione dei dentisti con il sopraggiungere della crisi ed è diventata ufficiale con la firma dell’accordo, ma Dessypris lavora a Genova da 25 anni e la sua propensione verso “gli ultimi” non è una novità.

“Non si possono far pagare cifre esorbitanti a persone che vivono con meno di 500 euro al mese, come pensionati, disoccupati, studenti, ma non solo”, spiega il dentista sociale. E il cartello, che richiama anche le sue origine greche nella dicitura (le lettere “s” sono sostituite dalla sigma), non lascia spazio a dubbi.

“Prima era esposto solo nel mio studio (via San Giorgio 2/28b), ma poi ho pensato che fosse meglio metterlo all’esterno perché lo potessero vedere tutti – racconta Dessypris – ed effettivamente si è confermata una scelta giusta, visto da quel momento sono aumentate le persone in difficoltà che vengono a farsi curare, in media due alle settimana e sono quasi tutti italiani”.

Il dentista ha creato un vero tariffario in base ai redditi: scontro del 10% per chi guadagna meno di 20 mila euro all’anno, del 20% per redditi inferiori ai 15 mila euro, del 30% fino a 12 mila, del 40% fino 10 mila e del 50% per i redditi inferiori a 5 mila. Dessypris non lo dice apertamente, ma dalle sue parole, inoltre, si intuisce che alcune prestazioni vadano oltre lo sconto. “Tolgo il mal di denti a chi ce l’ha”, dice.

Sono più o meno 5 mila i dentisti sociali in Italia su circa 27 mila in totale. Diversi sono anche a Genova. “Credo che si possa fare sempre di più e che il numero di aderenti debba aumentare per poter aiutare un maggior numero di persone in difficoltà”, conclude Dessypris.

(Foto di Davide Zé)