Dopo samp-sassuolo

Montella: “Sampdoria, squadra fragile, giocare con più leggerezza” fotogallery

Genova. “Ho visto una partita in cui la squadra si è applicata per portare avanti idee che stiamo provando in allenamento, ma abbiamo incontrato il Sassuolo, che è più squadra di noi ed è molto organizzato, non poteva capitarci un avversario peggiore”.

Vincenzo Montella cerca di stemperare la tensione arrivando in sala stampa dopo mezz’ora trascorsa negli spogliatoi con i suoi giocatori, commentando la temperatura “invernale” in sala stampa (da sempre senza riscaldamento), ma la sconfitta per 1-3 con il Sassuolo pesa moltissimo: “Dopo il palo la squadra si è sciolta – dice – abbiamo dimostrato tutta la nostra fragilità. Dopo il 3-0 la Samp ha giocato con più leggerezza, una leggerezza che dobbiamo inseguire anche durante la partita”. Per Montella i giocatori sono troppo tesi: “Credo che questo sia il momento di dimostrare di essere calciatori e una squadra di spessore, non bisogna perdere lucidità, penserò ai rimedi, anche stanotte,visto che non dormirò”.

La definizione che Montella dà di questa Sampdoria è “una squadra fragile”, per cui forse non serve neanche un ritiro per recuperare le idee. “Ma ci penseremo, forse stare lontani dalle nostre abitudini ci farà ricordare chi siamo”.

Sta subentrando la paura? Quali i rimedi? “Nel calcio è questione di alchimia, ma nel calcio ci vorrebbe l’episodio favorevole, se gol di Zukanovic fosse nato sullo 0-0 la squadra avrebbe fatto un’altra partita. Ci manca la convinzione che un’episodio favorevole ti può dare”.

Ora c’è la Lazio: “Ogni partita sembra impossibile, magari poi diventa quella più facile. Loro sono feriti come noi, vedremo”.

Dal punto di vista tattico la squadra non ha avuto grandi scombussolamenti, spiega Montella: “In fase difensiva giocavamo a quattro dietro, in fase di attacco a tre per dare più supporto ai centrocampisti, supporto che però non c’è stato”.