Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fa sgomberi in nero e butta l’amianto nei boschi di Ne foto

Ne. La scorsa estate aveva sgomberato un locale di un privato a Lavagna e aveva smaltito i rifiuti nei boschi sopra a Ne. Tra questi, durante le successive indagine, è stata anche accertata la presenza di pericolosissime lastre di cemento amianto analizzate dall’Arpal.

I Forestali del Nucleo Investigativo Provinciale, grazie ad un’indagine merceologica dei rifiuti abbandonati, sono prima riusciti a rintracciare il luogo di provenienza degli stessi e, subito dopo, ad identificare il responsabile dell’abbandono.

Si tratta di un 55enne residente nella vicina provincia di La Spezia e dall’indagine è emerso che la sua attività imprenditoriale è lo sgombero di locali di privati, con successivo conferimento dei rifiuti presso le isole ecologiche comunali, che però non accettano rifiuti pericolosi contenenti amianto.

Questi ultimi, infatti, una volta raccolti, sono stati evidentemente abbandonati nel bosco. Questa attività lavorativa, invece, avrebbe dovuto essere svolta da un’impresa regolarmente iscritta alla Camera di Commercio e all’Albo Nazionale Gestori Ambientali, per quanto riguarda la gestione dei rifiuti.

L’uomo, però, on risulta essere titolare di alcuna attività d’impresa, commettendo il reato di illecita gestione di rifiuti ed è quindi stato denunciato alla A.G. per i reati di illecita gestione ed abbandono di rifiuti pericolosi e non pericolosi.