Quantcast
Altre news

Campomorone, un tuffo nell’infanzia con “Il tempo dei balocchi-giocattoli in mostra”

Da domenica 6 a martedì 22 dicembre sarà possibile visitare la mostra “Il tempo dei balocchi – Giocattoli in mostra”, allestita a cura del Comune di Campomorone presso il circuito espositivo di Palazzo Balbi, via A. Gavino 144 r a Campomorone.

In esposizione oltre duecento giocattoli di epoca compresa tra l’inizio e la fine del Novecento: in legno, in latta, ma anche i primi giocattoli in materiale sintetico, come quelli degli anni ’40 e ’50. Bambole, trenini, carillons, case di bambola e suppellettili per giocare “alle signore”, automobiline, una sontuosa “Ferrari” in miniatura (con il casco e la tuta originali), monopattini e biciclette sono tra le principali attrattive della mostra, ma non mancano soldatini e pupazzetti, giochi di legno, puzzle e tanti altri piccoli preziosi oggetti.

La mostra, realizzata con il contributo di numerosi piccoli collezionisti locali, racconta, attraverso gli oggetti, passato, presente e futuro della nostra infanzia.
Il percorso espositivo è diviso in alcune aree tematiche: bambole, pupazzi, giochi da tavolo e giochi didattici, giochi di legno, mezzi a pedali, giochi di strada.

Una sezione è dedicata all’esposizione di libri e ad alcune pubblicazioni del Corriere dei Piccoli, lo storico giornalino nato nel 1908 e che si distinse nel panorama dell’editoria per l’infanzia pubblicando la versione italiana di numerosi fumetti americani, come Mimmo, Mammola e Medoro, Bibì e Bibò, Fortunello, Arcibaldo e Petronilla, Mio Mao: un mondo d’altri tempi che non manca di affascinare ancora grandi e piccini, nonostante la tecnologia dei giorni nostri abbia radicalmente mutato il concetto stesso di giocattolo.

Gli oggetti in esposizione sono tutti ancora perfettamente funzionanti, alcuni conservano intatti i meccanismi a carica o a molla. Molti giocattoli vennero prodotti da fabbriche specializzate europee e americane, utilizzando materie prime quali il legno, il ferro, la latta e la plastica. In passato, tuttavia, la grande maggioranza dei giocattoli era invece prodotta “in casa”, con mezzi e materiali di fortuna, giocattoli dei quali rimangono meno tracce ma con i quali ognuno di noi ha giocato.

Il visitatore verrà invitato alla scoperta dei giocattoli del passato, rinnovando l’interesse per il nostro recente passato e anche rievocando il proprio trascorso di bambino e i ricordi che hanno accompagnato l’infanzia. La realizzazione di questa esposizione non si collega alla volontà meramente legata all’amarcord e alla celebrazione di un passato da mettere in mostra, quanto alla concreta possibilità di porre l’accento su periodi storici non ancora segnati dalla globalizzazione e dal consumismo.

Periodo di svolgimento: dal 6 al 22 dicembre 2015
Orario: dal lunedì al sabato dalle ore 16 alle ore 18,30. Apertura infrasettimanale su appuntamento per gruppi e scolaresche
Ingresso libero
Info 0107224314

Più informazioni