L'accusa

Treni, i consiglieri Pd chiedono consiglio monotematico: “Toti promette treno veloce Ge-Mi ma per pendolari solo tagli”

treni fermi

Genova. Un consiglio regionale monotematico sulla situazione treni in Liguria anche alla luce del nuovo orario cadenzato presentato oggi dall’assessore Berrino. Lo chiedono i consiglieri regionali del Pd che lanciano l’ennesima stoccata alla giunta Toti: “Mentre il governatore Toti promette un treno super veloce che colleghi Genova alla sua Milano in un’ora – dicono la capogruppo del Pd in Regione Liguria Raffaella Paita e i consiglieri Juri Michelucci e Luca Garibaldi – i pendolari del levante ligure devono fare i conti con la scure di Trenitalia che riduce il numero dei treni, taglia le fermate e allunga i tempi di percorrenza”. “La giunta Toti sta preparando proprio in bel regalo di Natale per i pendolari liguri – aggiungono i consiglieri – che in tanti, esasperati stanno pensando addirittura di abbandonare i mezzi pubblici e passare all’utilizzo dell’auto privata”.

Secondo i calcoli fatti da alcuni pendolari del levante che ogni giorno si recano a Genova per lavorare, con il nuovo orario in vigore tra una quindicina di giorni, sarebbero circa 3 le ore in più trascorse in treno ogni settimana: “Non ha senso promettere senza peraltro fornire alcun dettaglio un treno super veloce per Milano – affermano Paita, Garibaldi e Michelucci – quando non si è neppure capaci di garantire i servizi minimi all’interno del proprio territorio. Il Partito Democratico, nei giorni scorsi, ha chiesto un consiglio regionale monotematico proprio sul tema ferroviario. E le notizie che ci arrivano quotidianamente dai pendolari non fanno altro che avvalorare la nostra richiesta”.

Più informazioni
leggi anche
treni circolazione liguria
Le novità
Liguria, il nuovo orario dei treni per i “passeggeri distratti”
treni
Entro il 2 dicembre
Nuovo orario treni, associazioni invitano pendolari a inviare segnalazioni