Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Spiaggia per disabili: l’amministrazione di Chiavari chiede il sostegno delle banche foto

Il Sindaco di Chiavari, Roberto Levaggi, scrive a tutte le banche locali, perché aiutino a sostenere il progetto della spiaggia per disabili nel nuovo arenile del Porto.

Lunedì scorso è stata spedita la lettera di convocazione con cui il sindaco ha invitato per lunedì prossimo, 30 novembre, alle 11, presso la sala consiliare del Comune, tutti i direttori degli istituti di credito operanti sul territorio, alla presentazione del progetto “La spiaggia per tutti”, redatto dall’architetto Valia Galdi e nato in collaborazione con le associazioni del terzo settore più rappresentative sul territorio nel campo della disabilità (Anffas e Villaggio del Ragazzo).

Il progetto si prefigge di dotare il tratto di arenile adiacente al Porto di Chiavari ed in prossimità della passeggiata mare (l’unico senza lo “scalino” di accesso al mare) di tutte le attrezzature necessarie per rendere accessibili e godibile a tutti il nostro mare (spogliatoi, bagni disabili dedicati, passerella per arrivare fino in acqua, piattaforme accessibili, reception/area servizi, ombreggianti in stile hawaiano, mappa tattile, sedie da mare job), che coniughino funzionalità ed estetica del litorale, senza marginalizzare l’utenza disabile rispetto a quella normodotata, in un’ottica di massima integrazione possibile tra le persone.

Quello che viene chiesto è un finanziamento pro quota da parte di ogni singola banca chiamata a rendere possibile l’apertura della spiaggia già per la prossima estate e certamente un ritorno pubblicitario di tutti gli istituti di credito che possano così dimostrare insieme di essere realmente vicini al territorio ed alla sua gente, a cominciare dalle fasce più deboli e sfortunate della popolazione.

Il costo di tutta l’attrezzatura si aggira intorno agli 80 mila euro.

Alla riunione saranno presenti l’architetto Galdi, l’assessore ai Servizi Sociali Nicola Orecchia, i funzionari degli uffici comunali del Demanio e dei Servizi alla Persona, oltre che i rappresentanti delle associazioni interessate.