Il provvedimento

Soldi della Lega Nord in Tanzania, giudice: sequestrate 2,5 milioni a Belsito

francesco belsito

Un sequestro da 2 milioni e 500 mila euro. Il tribunale del riesame di Genova ha accolto la richiesta del pm Patrizia Ciccarese nei confronti di Francesco Belsito, ex tesoriere della Lega Nord.

Secondo la procura sarebbero soldi sottratti al fisco per il denaro esportato all’estero e che Belsito avrebbe dovuto inserire nella dichiarazione dei redditi.
L’ex tesoriere si era opposto al sequestro tramite i suoi legali Alessandro Vaccaro e Paolo Scovazzi, sostenendo che quella somma era rientrata nella disponibilita’ del Carroccio. Il gip Ferdinando Baldini aveva respinto la richiesta della procura ma il pm aveva appellato davanti ai giudici del Riesame.

I magistrati, nell’accogliere la richiesta di sequestro, sostengono che tra i redditi tassabili rientrano anche quelli provento di illecito. La vicenda parte dalla truffa ai danni dello Stato sui rimborsi elettorali ottenuti dalla Lega: una parte di quei fondi (circa 5 mln) Belsito li aveva trasferiti in Tanzania e a Cipro. L’ex tesoriere è a processo per truffa insieme a Umberto Bossi a Genova proprio per la vicenda dei rimborsi elettorali.

leggi anche
cronaca
A processo
Truffa sui rimborsi elettorali, Camera e Senato parti civili contro Bossi e Belsito
cronaca
Rinvio
Truffa allo Stato, processo rinviato al 2 novembre. Belsito: “Speriamo di fare chiarezza”
francesco belsito
A processo
Truffa allo Stato, rinvio a giudizio per Bossi e l’ex tesoriere della Lega Nord Belsito
francesco belsito
Prestanome
Nuove accuse per l’ex tesoriere della Lega: evasione fiscale e intestazione fittizia di beni
francesco belsito
12 gennaio
Evasione fiscale, l’ex tesoriere della Lega Belsito rinviato a giudizio