Quantcast
Indagini in corso

Sgozzato nel centro storico: identificati i tre ricercati

Sono stati tutti identificati gli aggressori del 39enne pusher marocchino che la scorsa settimana venne ucciso con un coccio di bottiglia in vico Biscotti, nel centro storico di Genova.

I carabinieri proseguono le indagini e, dopo aver dato un nome al presunto assassino, sono riusciti a risalire all’identità anche dei gli altri due complici. Sono tutti
ventenni, clandestini, senegalesi, senza fissa dimora e noti per reati di spaccio. Rimangono irreperibili dal giorno del delitto.

Per risalire a loro sono stati interrogati decine di spacciatori, mentre una prova decisiva verrebbe dalle impronte lasciate sui cocci di bottiglia usati per uccidere.

Sembra che i tre indagati non avessero intenzione di uccidere il marocchino, ma di dargli una lezione. Tesi smentita dalle telecamere: nei fotogrammi due persone immobilizzano il magrebino e una terza, l’assassino, lo colpisce con una bottigliata alla gola.

leggi anche
  • Omicidio
    Genova, un coccio di bottiglia gli taglia la gola: ucciso nel centro storico
  • Dopo l'omicidio
    Sgozzato nel centro storico, abitanti e commercianti: “Siamo abbandonati a noi stessi”
  • Genova
    Sgozzato nel centro storico: forse un regolamento di conti per droga
  • Svolta
    Genova, sgozzato nel centro storico: forse l’assassino ha un nome