Quantcast
Basket

Serie C Silver: un’ottima Aurora Chiavari piega il Cus Genovarisultati

Prima vittoria stagionale per il Tigullio, ai danni del Sestri

Vado Vs Aurora Chiavari

Chiavari. La prima vittoria casalinga dell’Aurora porta la firma di Toschi. Il folletto chiavarese fa registrare una performance da palati fini al tiro da tre punti (5 su 7) e supplisce in cabina di regia ad un Podestà in palese difficoltà fisica per i noti problemi alla spalla. I suoi ritmi frenetici, uniti ai lampi di Vercellotti e alla solidissima prova sotto canestro di Terribile, consentono ai gialloblù di incolonnare una tonificante coppia di successi dopo il tris negativo contro Ospedaletti, Tarros e Sarzana. Per il Cus Genova, invece, è la seconda sconfitta, che giunge dopo una serie positiva che durava da tre incontri.

Quaranta minuti di dominio chiavarese: i biancorossi di coach Pansolin approcciano la gara con un mix di sufficienza e pigrizia difensiva, con l’Aurora che sale l’ascensore della doppia cifra di vantaggio già dopo sei minuti, nonostante i precoci due falli di Bottino. Due triple di Vercellotti a cavallo dei primi due quarti scavano il solco (22-9) che pare già definitivo con i cinque punti in sequenza dell’attivissimo Costacurta (29-13 al 5° del secondo tempino). Anche il convalescente Podestà estrae un coniglio dal cappello per suggellare il nuovo massimo vantaggio Aurora (35-17 all’8°) e gli ospiti tornano negli spogliatoi assai frastornati, particolarmente dalla difesa arcigna chiavarese che lavora ai fianchi l’attacco cussino, permettendogli solamente di scavallare quota venti nel finale del secondo quarto.

Di tutt’altra fatta l’incipit del terzo quarto: il Cus esce con una espressione più decisa dagli spogliatoi e mostra i muscoli. Due triple di Bigoni, l’abilità di Angelo Bedini a sfruttare i mismatch sotto canestro riaccendono una gara che pareva chiusa (38-31 pro Aurora al 3°). Ma Toschi e Vercellotti rispondono dall’arco dei tre punti per ridare ossigeno alla truppa di Marenco, che si invola velocemente sul +16 proprio sulla sirena (56-40). Un delizioso ankle breaker di Vercellotti apre le danze dell’ultimo tempino; Ferri respinge l’ultimo assalto del Cus con il canestro pesante del 61-48, poi è solo Luca Toschi: nella ripresa il suo score è di 4 su 4 da tre punti e 4 su 4 dalla linea della carità.

“Sì – afferma Giuliano Marenco, allenatore dell’Aurora -, devo dire che abbiamo affrontato questa gara molto difficile contro un avversario di alto livello con la faccia giusta. Grande intensità difensiva e buone scelte in attacco per i primi 18′, poi un leggero calo che per fortuna abbiamo pagato poco, anche grazie alla panchina che ha dato un contributo tangibile. In queste ultime partite ho rivisto brani della vecchia Aurora e posso essere fiducioso per il futuro”.

Il tabellino:
Aurora Basket Chiavari – Cus Genova 71-52
(Parziali: 19-9; 38-23, 56-40)
Aurora Basket Chiavari: Toschi 20, Vercellotti 17, Garibotto 10, Terribile 8, Bottino; Varrone, Podestà 6, Costacurta 5, Tealdi, Ferri 5. All. Marenco.
Cus Genova: Macrì 5, Bestagno 2, Bigoni 12, Mangione 7, A. Bedini 18; Vajra, Dufour 6, Zenobio, Meroni 2, F. Bedini. All. Pansolin.

Il Tigullio, dopo cinque sconfitte, può finalmente esultare per la prima vittoria. Ne ha fatto le spese il Sestri Levante, battuto con 10 punti di scarto. I biancoverdi sono stati in partita per tre quarti del match, prima di lasciare campo agli avversari nella parte finale di gara.

“E’ stata una brutta partita – spiega Fabrizio Canepa, coach sestrese – in cui è mancata la necessaria concentrazione per trovare il giusto ritmo. Nonostante tutto siamo stati avanti per buona parte del match ma poi è accaduto per l’ennesima volta che siamo calati nel finale della partita. Abbiamo subito troppo a rimbalzo. Dobbiamo continuare a lavorare tanto e spero di avere in settimana tutti i ragazzi presenti senza infortuni per preparare al meglio la prossima gara”.

Il tabellino:
Tigullio Sport Team – Centro Basket Sestri Levante 58-48
(Parziali: 7-6; 20-23; 34-34)
Tigullio Sport Team: Croce, Aldrighetti 5, Pittaluga, Kourentis 1, Baiardo 7, Wintour 8, Caversazio 7, Lagomarsino 1, Somoye 18, Diouf 11. All. Pezzi.
Centro Basket Sestri Levante: Ferri 2, Reffi 14,Campanacci, Conti Fa. 3, Calzolari 2, Massucco 4, Acerni 4, Mariani 2, Conti Fr. 12, Giudici 5. All. Canepa.

Sul fondo della classifica resta l’Ardita Juventus, battuta anche a Vado Ligure. Parte bene il Pool, con un 7-0 frutto di energia e buona circolazione di palla ed il primo periodo firmato Vallefuoco-Dzigal, e chiude altrettanto bene con 5 punti di Milosevic che portano al +9 della prima pausa.

Nel secondo periodo magra in attacco per i vadesi, mentre due triple di Ferrari permettono all’Ardita di tornare a contatto. Nel terzo tempo arriva il sorpasso degli ospiti, che sfruttano il perseverare della scarsa vena offensiva dei locali che vengono tenuti a contatto da Lentini, ma nell’ultimo quarto il Vado ha la forza di tornare avanti con un attacco ben bilanciato e soprattutto con uno sforzo difensivo che tiene a 6 punti i nerviesi prima del 4-0 a cavallo dell’ultimo minuto grazie al quale i biancoviola erano quasi rientrati in partita.

Il tabellino:
Pool 2000 Vado – Ardita Juventus 55-50
(Parziali: 19-9; 27-24; 38-40)
Pool 2000 Vado: Cognigni 7, Lentini 10, Facci ne, Olowu, Vallefuoco 17, Cavallaro, Cerisola 2, Milosevic 11, Dzigal 6, Simic ne. All. Prati, ass. Dagliano – Guarnieri.
Ardita Juventus: Manica 6, Garaventa, Rossi 8, Casalino, Ferraris, Dallorso 5, Rovati 2, Ferrari 7, Sobrero 10, Pietronave 11. All. Chiesa.