Quantcast
Rugby

Serie A: il Cus Genova si arrende ai Cavalieri Prato Sesto fotogallery risultati

Prato Sesto Genova

Genova. Il Cus Genova, che ha giocato in anticipo sabato pomeriggio a Prato, ha subito la seconda sconfitta consecutiva ed è stato scavalcato in classifica dagli stessi toscani.

Il Prato Sesto arrivava da due sconfitte ed ha conquistato i suoi primi 4 punti con determinazione. I genovesi sono arrivati a metà gara con un esiguo vantaggio, 10-11, ma nella seconda frazione di gioco sono andati sotto nel punteggio, cedendo 22 a 18.

Decisiva, tra i locali, la presenza di Rima Wakarua che, in campo fin dal primo minuto, ha fatto la differenza, con i suoi lanci sono fondamentali per i sesto pratesi.

Parte bene il Cus Genova che prova ad andare subito in meta dalla touch dopo 5’, ma è attenta la difesa di casa che recupera subito il pallone. Fasi iniziali di gioco un po’ confuse, con molto gioco al piede da entrambe le parti e poca precisione alla mano.

Prima mischia della partita a introduzione di Prato Sesto, girata dal Cus Genova che conquista la prima punizione del match che Cipriani trasforma per lo 0-3 all’11°. Cus pericoloso in attacco, Cavalieri ancora fallosi e secondo piazzato per Cipriani che stavolta è impreciso.

Altra touch sbagliata dalla squadra di casa e al 18° c’è una mischia a introduzione Genova molto pericolosa che i padroni di casa riescono a girare a loro favore con un bel recupero di Calamai.

La squadra locale prova a giocare alla mano nella metà campo avversaria e trova subito buoni spazi e buone geometrie che portano a una touche sui cinque metri dalla quale nasce la meta di Rima Wakarua. L’italo-neozelandese sfrutta bene la superiorità numerica e il movimento sbagliato dei difensori del Cus. Lo stesso Wakarua trasforma per il 7-3 al 26°.

Nemmeno il tempo di gioire e il Cus Genova approfitta di un’ingenuità dei pratesi che valutano male una palla che non esce dal campo, Garaventa realizza facilmente, ma Cipriani non trasforma, quindi risultato sul 7-8 al 28°.

Il Cus Genova rinvigorito dalla marcatura si ripropone in attacco e guadagna l’ennesimo calcio di punizione che Cipriani realizza. Prato Sesto prova a chiudere in avanti la prima frazione, il gioco alla mano è fluido, ma ci sono imprecisioni sui punti di incontro; Cavalieri che quando riescono a giocare alla mano sono nettamente superiori agli avversari.

Iniziano a funzionare anche gli avanti di Prato Sesto che girano la mischia sui cinque metri e conquistano una punizione facile per il piede di Wakarua che chiude il parziale sul 10-11.

Nel secondo tempo i locali rientrano in campo con un altro piglio, aggressivi negli spazi e sui punti di incontro; Genova, nervoso, prende subito un cartellino giallo con Perini. Superiorità numerica sfruttata dal Prato Sesto che con la meta di Fabio Nannini al 3° si porta in vantaggio; Wakarua trasforma il 17-11.

In questa situazione non poteva che arrivare la terza meta per i Cavalieri, con Lunardi che, al 10°, conclude in tuffo una bellissima azione alla mano scaturita da una mischia vinta a metà campo (22-11).

Situazione molto confusa del match, dieci minuti fermi sulla stessa zolla di campo con le due squadre che si affrontano solo in mischia e alla fine, dopo il giallo a Fabio Nannini, arriva la meta tecnica del Cus Genova al 23° che Cipriani trasforma per il 22-18.

Prato Sesto rialza subito la testa e prova a far male al Cus Genova con il bel gioco alla mano che porta ad una punizione per il piede di Wakarua sulla quale l’allenatore-giocatore prende il palo.

Succede poco altro al “Chersoni” di Prato. Risultato finale 22-18 per i padroni di casa.

Sabato 7 novembre, ancora in anticipo, al “Carlini” con l’Accademia Ivan Francescato, la squadra condotta da Stefano Bordon punterà al riscatto, alla caccia della terza poltrona disponibile per accedere alla futura fase Promozione, ora distante 7 lunghezze.

Il tabellino:
Prato Sesto – Cus Genova Rugby 22–18 (p.t. 10-11)
Prato Sesto: Lunardi, Manetti, Bartali (s.t. 35° L. Noviro), Natali, Brogi (s.t. 18° Ruotolo), Wakarua, Della Ratta, Escalante, Martelli, Calamai (s.t. 24° Fabbri), Parri (s.t. 1° Ciolli), Boscolo, Sonzogni (s.t. 1° Wachsmann), D’Apice (s.t. 22° Perissa), F. Nannini. All. Otano – Wakarua.
Cus Genova Rugby: Salerno, Barani, Heymans, Alberghini (p.t. 38° Serpico), Ciranni, Cipriani, Garaventa, Pallaro (s.t. 20° Baldelli), Bertirotti, Maccari, Imperiale (s.t. 20° Del Terra), Dell’Anno, D’Amico, Perini, De Gregori (s.t. 8° Cattaneo). All. Bordon.
Arbitro: Chirnoaga (Roma).
Marcatori: p.t. 11° cp Cipriani (0-3), 26° m Wakarua tr Wakarua (7-3), 28° m Garaventa (7-8), 34° cp Cipriani (7-11), 40° cp Wakarua (10-11); s.t. 3° m Nannini tr Wakarua (17-11), 10° m Lunardi (22-11), 23° m tecnica tr Cipriani (22-18).
Cartellini gialli: p.t. 26° Barani; s.t. 2° Perini, 23° F. Nannini.