Quantcast
Genova

Scolmatore del Fereggiano: in corso Italia un affaccio sul mare sopra il cantiere

Corso Italia, il cantiere dello scolmatore del Fereggiano

Genova. Proseguono i lavori in corso Italia per la realizzazione dello scolmatore del Fereggiano. Venerdì 6 novembre sono iniziate le operazioni di montaggio di una struttura provvisoria antirumore che coprirà buona parte dell’attuale area del cantiere a cielo aperto.

Una sorta di affaccio sul mare che permetterà di prolungare la promenade e sarà utilizzabile dal pubblico: ospiterà infatti un info-point del cantiere e sarà direttamente accessibile da corso Italia.

Naturalmente il capannone verrà completamente smontato prima della fine dei lavori.

La sua realizzazione è stata pensata soprattutto per ridurre l’impatto ambientale (polveri, rumori, ecc.) e consentirà una maggiore regolarità d’azione all’impresa che, per lo scavo della galleria e del pozzo di presa sul Fereggiano, lavorerà 24 ore su 24 su tre turni giornalieri per circa trenta mesi.

I lavori per lo scolmatore del Fereggiano – che saranno ultimati il 1° agosto 2018 – sono stati decisi e finanziati dal Comune di Genova, con il contributo del “Piano nazionale per le città”, prima dell’alluvione del 2014. Assegnati parzialmente il 7 aprile 2015, l’approvazione del progetto esecutivo è avvenuta il 30 giugno dello stesso anno e il 2 luglio 2015 c’è stata la consegna definitiva.

La presenza sull’affaccio di un infopoint non è l’unica azione informativa per la cittadinanza. A breve sarà possibile seguire l’andamento dei lavori sul sito che l’azienda appaltatrice sta realizzando.

leggi anche
Corso Italia, il cantiere dello scolmatore del Fereggiano
Messa in sicurezza
Fereggiano, nel cantiere tornano le cariche esplosive: fine lavori ad agosto 2018
Corso Italia, il cantiere dello scolmatore del Fereggiano
Cronaca
Scolmatore del Bisagno, ricorso al Tar contro la copertura del cantiere
Corso Italia, il cantiere dello scolmatore del Fereggiano
Dietrofront
Scolmatore del Fereggiano, sospeso il ricorso al Tar