Quantcast
Economia

Regione Liguria e Grow Act, sindacati scettici: “aspettiamo i fatti”

sciopero cgil cisl uil

Liguria. “Ci rallegriamo se dopo tanti annunci si comincia a ragionare sul da farsi. Sarebbe opportuno che se ne potesse discutere in un confronto aperto a tutte le parti sociali per evitare che possa restare un documento di buoni intenti senza una concreta ricaduta sulla reale situazione della nostra regione”. Lo affermano congiuntamente Federico Vesigna – Antonio Graniero – Pier Angelo Massa, segretari generali di Cgil Cisl Uil Liguria, commentando le prime indiscrezioni sui contenuti del Grow Act della Regione, il provvedimento per la crescita economica.

“La capacità di attrarre nuove imprese è una delle chiavi per innovare il modello di sviluppo della nostra regione, tuttavia la competitività tra i territori non si gioca sul costo del lavoro. Le imprese scelgono di insediarsi dove è facile arrivare, dove è possibile trovare persone professionalmente preparate, dove è facile e piacevole vivere”.

“In un contesto dove la Regione, attraverso l’azione di programmazione e di indirizzo, è in grado di intervenire per creare le condizioni di sistema, dalla semplificazione burocratica all’accesso al credito, può aver senso anche l’intervento sull’Irap; a condizione che sia finalizzato a creare nuova e stabile occupazione. Resta da capire dove si recupereranno gli 800 mila euro della sanità che è già alle prese con pesanti tagli”.
“Difficile immaginare di recuperare il denaro con l’ingresso dei privati in un mercato a cavallo tra sanità e turismo di cui ci paiono un po’ troppo fumosi i contorni. Rinviamo agli incontri di domani sull’energia il necessario chiarimento su cosa intenda fare la Regione per gestire la transizione dal carbone ad altri processi. Ci sono in gioco centinaia di posti di lavoro: non ce la si può cavare con un po’ di investimenti nelle rinnovabili.