Quantcast
Smog

Rapallo, il sindaco Bagnasco: “Nessun allarme benzene”

“A Rapallo non esiste alcun allarme benzene”. Lo afferma il sindaco Carlo Bagnasco per chiarire la situazione a seguito degli articoli pubblicati a mezzo stampa negli ultimi due giorni. E aggiunge: “Non sono io a sostenere che la paventata emergenza non esiste, lo fanno i dati provenienti dalla Città Metropolitana”.

Nella relazione della Direzione Ambiente, Ambiti naturali e Trasporti – Servizio Energia, Aria e Rumore – Ufficio Elaborazione Dati Ambientali della Città Metropolitana pervenuta ieri agli uffici comunali e riguardante i dati rilevati dalla centralina di Via della Libertà dal 1 gennaio al 18 novembre 2015, in corrispondenza dei valori di benzene (C6H6) rilevati nell’aria si legge quanto segue:

“Relativamente ai limiti fissati dalla normativa vigente in materia di qualità dell’aria rappresentata dal D. Lgs. 13 agosto 2010 n. 155, nel periodo di osservazione considerato, si osserva che risulta ampiamente rispettato il valore limite per la protezione della salute umana fissato in 5 microgrammi/metro cubo come concentrazione media annuale per l’anno 2015”.

“Nelle giornate di mercoledì 18 e giovedì 19 novembre si sono verificati superamenti dei limiti, in parte dovuti alle condizioni meteo delle ultime settimane che favoriscono il ristagno degli inquinanti nell’aria – sottolinea ancora il primo cittadino – Questo, però, come sottolineato anche dall’ufficio competente della Città Metropolitana, non dovrebbe compromettere una media annuale che risulta al di sotto dei limiti. Questo anche grazie all’ordinanza anti-benzene che ho firmato poche settimane dopo al mio insediamento: limitazioni alla circolazione dei veicoli di categoria M1 non conformi all’Euro 2 nel centro cittadino in determinati orari che hanno contribuito all’abbassamento della presenza di inquinanti nell’aria. Ciò non toglie che l’attenzione debba sempre rimanere alta: proseguiranno i controlli per far sì che l’ordinanza venga rispettata. La tutela dell’ambiente e della salute delle persone è e rimane per noi una priorità”.