Quantcast
Ginnastica ritmica

Pgs Auxilium sottotono a Prato

Decimo posto per le ginnaste genovesi che non brillano in gara. Fiduciosa comunque Francesca Augura, tecnico dell'Auxilium

Sabato 14 novembre Prato ha ospitato la terza tappa del Campionato di Serie A1 e A2 .

La Pgs Auxilium si è presentata a questo appuntamento determinata a migliorare la sua posizione in classifica. Purtroppo però non è andata come si sperava alla vigilia e forse è mancata un po’ di concentrazione durante il minuto e mezzo di esercizio. Il “jolly”, la giovane atleta bulgara Boryana Kaleyn, dopo aver eseguito un ottimo esercizio al cerchio, difficile ed applauditissimo, non riesce nel replicarsi alle clavette, perdendo svariate volte l’attrezzo ed ottenendo così un punteggio ben al di sotto le aspettative.

Sottotono anche le esecuzioni di Irene Pippo alla fune e Sofia Dolcini alla palla: nonostante non abbiano fatto grandi errori di attrezzo appaiono in pedana meno determinate e precise del solito. Buona prova invece per Daria Brosio: per la terza volta esegue il corpo libero dimostrando un miglioramento esecutivo rispetto all’inizio del Campionato, e anche per la new entry Giulia Simi, atleta in prestito dalla Società Etoile di Sarzana, campionessa nazionale di specialità al nastro, che entra in pedana proprio col suo attrezzo migliore.

“Torniamo con un decimo posto un po’ amaro– spiega Francesca Augura – ma siamo coscienti delle nostre potenzialità e aldilà delle prestazioni tecniche, le ragazze hanno messo tutte loro stesse oggi. Questo non può che essere un buon punto da cui ripartire. Non bisogna dunque perdersi d’animo, ma anzi imparare dalle esperienze e lavorare assieme, unite, per migliorare ancora di più”.

Più informazioni