Quantcast
Seconda categoria girone c

Prova a prendermi. Il Torriglia vince e tenta la fugarisultati

Vittoria di misura nello scontro diretto con la Genovese Boccadasse. Torna a vincere l’Isolese ed è terza. In coda prima vittoria del Galata. Sciarborasca implacabile sul Fegino

Se finora era la la squadra favorita, ora il Torriglia mette una seria ipoteca sulla vittoria finale della Seconda categoria girone C. I biancoazzurri vincono lo scontro diretto con la seconda, la Genovese Boccadasse (1-0) e vanno a +7 in classifica.

La partita è vibrante, ricca di agonismo, e la Genovese domina in quanto a possesso palla, ma alla fine ha prevalso una maggiore cinicità del Torriglia che passa al 55° con Verduci. Un gol che basta ai padroni di casa di portare a casa tre punti che potrebbero fare la differenza a fine campionato.

Da parte sua la Genovese se la prende con il direttore di gara, reo di non aver fischiato ben due rigori, a parere della squadra oggi in trasferta. Certamente pesano i due pali colpiti dalla squadra di Boccadasse che certamente avrebbe meritato qualcosa in più.

La sconfitta della Genovese viene colta in pieno dall’Isolese che torna a vincere dopo due turni e potrebbe fare da terzo incomodo in vetta. Certamente il campionato è ancora lungo, ma i biancoverdi sono riusciti a riprendersi dopo due partite che sembravano aver indirizzato la stagione verso un epilogo di più basso profilo.

Come in uno scioglilingua, a Isola va in scena Isolese contro Isolani (2-1), prova di maturità per entrambe le squadre. Partono malissimo i padroni di casa che vanno sotto dopo appena 4 minuti per un bel gol di Tobaldi sugli sviluppi di un calcio d’angolo. L’Isolese non riesce ad organizzarsi come sa e fatica a trovare spiragli per il pareggio, e nel finale di tempo Stumpo va vicino al gol in due occasioni.

Al 40° gira al volo in mezza rovesciata, ma la palla è alta. Cinque minuti dopo fallisce un’occasionissima a porta vuota calciando alle stelle.

Sembra una giornata in cui non vuole entrare il pallone e allora ci vuole una magia di Daga al 60° che dal limite calcia un gran destro e supera Pietrini per l’1-1. Il match prosegue equilibrato, l’Isolani rimette fuori la testa in un paio di occasioni, ma sono i padroni di casa a fare la partita e vengono premiati al 94° grazie ad un’invenzione di Repetto che calcia dalla distanza un eurogol, tiro potentissimo che si insacca e regala all’Isolese il terzo posto. Isolani puniti da una disattenzione di troppo rimangono alle porte dei playoff.

Perde una posizione il Voltri 87, superato proprio dall’Isolese. A fermare i voltresi è il Ravecca (1-1) che conferma il trend positivo che vede i biancorossoneri andare a punti per il quarto turno consecutivo. Accade tutto nel primo tempo. Al 25° vantaggio del Voltri con un rigore realizzato da Rizza, al 40° risponde Cazzola che fa 1-1.

Nella ripresa il Voltri 87 non riesce a sfruttare l’uomo in più creato dall’espulsione di De Vita all’80°. Per i padroni di casa un punto che non basta a conservare il terzo posto, mentre il Ravecca pur andando a punti, ha bisogno di vittorie per allungare sulla zona playout.

Buio pesto per il Fegino, che ne prende 4 dallo Sciarborasca (4-0) e si conferma squadra troppo altalenante per mantenere le prime posizioni in classifica. I gialloblu segnano due gol per tempo in una giornata praticamente perfetta in cui c’è gloria anche per Pisseri che para un rigore assegnato al Fegino al 75°.

I gol portano le firme di Fancello che apre le danze al 23°. Al 30° raddoppia Galasso e le squadre vanno negli spogliatoi sul 2-0. Nella ripresa non c’è praticamente gara, il Fegino si apre troppo e Bruzzese al 50° fa 3-0. Partita chiusa. Galasso al 70° si toglie la soddisfazione di siglare la doppietta personale. Sciarborasca che mette in cascina tre punti ottimi ed è a +6 sulla zona rossa, un punto dietro allo stesso Fegino.

Vince il Nuova Oregina che senza troppi proclami si piazza al quinto posto provvisorio. Contro un Carignano alla disperata ricerca di punti salvezza, la partita è tutt’altro che semplice. Infatti dopo il vantaggio di Diouf al 20°, il Carignano pareggia con un rigore di Macrì e solo al 65° Ranno riesce a battere Zanin relegando i padroni di casa all’ultimo posto solitario.

Si perché nello scontro diretto fra Galata e Il Libraccio (2-0), hanno la meglio i primi che riescono così a salire al penultimo posto e confermano il buon pari ottenuto nello scorso turno. La partita con il Libraccio si mette bene al 29° per un autogol di un difensore ospite.

Il Libraccio prova a recuperare e nel finale di getta nella metà campo avversaria, lasciando, però spazi liberi per gli attaccanti del Galata e infatti all’82° Prestanizzi chiude la partita siglando il definitivo 2-0. Per il Libraccio una giornata storta, che lo vede allontanarsi un poco dalla zona tranquilla di classifica.

Non si fanno male Pro Pontedecimo e Stella Sestrese che pareggiano 0-0 e “perdono” entrambe visto che rimangono in zona playoff con la Stella a +3 sugli avversari di turno. La fa da padrone la paura di perdere da entrambe le parti, ma alla fine ne guadagnano solo gli avversari. La Pro ora infatti si trova al terz’ultimo posto insieme al Libraccio con il Galata dietro di un solo punto.

Per la Stella Sestrese il pareggio del Ravecca lascia aperta la nona posizione mentre lo Sciarborasca (8°) è a +5.