Quantcast
Pallanuoto

Pro Recco, 6 super! Posillipo battuto 12 a 4 fotogallery

I campioni d'Europa si aggiudicano la loro sesta Supercoppa europea

Sori. La Pro Recco vince la sesta Supercoppa europea della sua storia. Con il risultato di 12-4 i biancocelesti si impongono su un Posillipo che, fine all’ultimo, ha combattuto senza mai mollare.

Parte in salita la finale per i biancocelesti: il Posillipo riesce a conquistare un’importante superiorità numerica su cui Kracig si catapulta. Il partenopeo numero 3 non si fa pregare e scaglia una sassata all’indirizzo della porta di Stefano Tempesti su cui il portierone di casa può solo sfiorare.

È dunque il Posillipo la prima formazione a passare in vantaggio, ma la Pro non si scompone più di tanto e dopo qualche tentativo non troppo felice, è Aleksandar Ivovic a riportare tutto in parità grazie ad una conclusione che sopra la testa che sorprende Negri.

Il primo vantaggio è presto servito: Filip Filipovic, dopo aver anche rimediato un vistoso colpo al volto, lascia partire un diagonale dei suoi su cui Negri non può fare altro che osservare la traiettoria. Si va al primo riposo con risultato capovolto rispetto all’incipit.

Fischio del tandem arbitrale e partenza; Sukno, al quale nel primo tempo era stato fischiato un contro fallo sullo scatto, fa sua la sfera e dopo pochi minuti di gioco il croato è ancora protagonista. Il numero 9 di casa Recco lascia partire un gran tiro che vale il 3 a 1. Il quarto gol è ancora di Sandro Sukno, invece il quinto porta la firma di Dusko “Dule” Pijetovic che dal palo agguanta al volo la sfera multicolore e la ripone alle spalle di Negri per il momentaneo 5 a 1.

Dopo lo spettacolo messo in pratica dalla squadra di nuoto sincronizzato della Rari Nantes Bogliasco si può ricominciare. Il terzo tempo ha la stessa intro del primo: espulsione conquistata dal Posillipo e gol, questa volta, di Vincenzo Dolce per il 5-2. Immediata la replica della Pro Recco grazie all’ennesima prodezza di Sandro Sukno che ancora dalla distanza cala la personale tripletta.

Da qui in poi la formazione guidata da Pomilio stacca il Posillipo: prima Filipovic, poi Pijetlovic portano in acque sicure la gara grazie a due reti importanti. Adesso il tabellone della “Comunale” di Sori recita 8-2 in favore della Pro. Gira forte la sfera a uomo in più e l’attacco biancoceleste ha le polveri ben caricate. Giro rapido della palla, movimento studiato a tavolino, e assist per Andrea Fondelli che dal palo non si fa attendere.

Il Posillipo, tuttavia, è squadra ostica e ben disposta in campo; la sua terza marcatura, per la terza volta in superiorità numerica, porta la firma di Buslje. Buslje che viene imitato alla perfezione da Vincenzo Dolce che segna non solo la doppietta personale ma anche la quarta rete in superiorità numerica.

La rete numero 10 arriva a cinque minuti dal termine. La firma è quella di Niccolò Figari. Non passa molto e arriva anche il sigillo di Mike Bodegas, il tuttofare agli ordini di Pomilio fredda Negri da pochi passi. A due minuti dal termine è ancora Pro Recco ed è ancora Andrea Fondelli che, in controfuga, regala la rete numero 12 agli oltre 1000 spettatori della “Comunale” di Sori.

Amedeo Pomilio commenta così: “Sono soddisfatto della squadra e di ha come ha giocato. Siamo partiti un po’ contratti e non reattivi, tuttavia abbiamo reagito bene. Il Posillipo ha giocato come mi aspettavo, combattivo e sempre pericoloso. Se questo Recco mi piace? Sì, mi è piaciuto, giocare a questo livello con questa mentalità è una vera e propria attitudine. Adesso ci avviciniamo sempre più a partite delicate dove non si può sbagliare. Gioisco per la vittoria e per il primo trofeo, ma penso già alla trasferta di Champions League a Budapest”.

Il tabellino:
Pro Recco Waterpolo 1913 – CN Robertozeno Posillipo 12-4
(Parziali: 2-1, 3-0, 4-3, 3-0)
Pro Recco Waterpolo 1913: Tempesti, Bodegas 1, Mandic, Figari 1, Giorgetti, Pijetlovic 2, Prlainovic, Aicardi, Sukno 3, Filipovic 2, Ivovic 1, Fondelli 2, Pastorino. All. Amedeo Pomilio.
CN Robertozeno Posillipo: Caruso, Briganti, Marinic Kracig 1, Foglio, Ricci, Russo, Renzuto Iodice, Gallo, Buslje 1, Saviano, Dolce 2, Saccoia, Negri. All. Mauro Occhiello
Arbitri: Koganov (Aze) e Ohme (Ger). Delegato Len: Gianni Lonzi (Ita).
Note. Superiorità numeriche: Pro Recco 4 su 7 più 1 rigore segnato, Posillipo 4 su 7. Usciti per limite di falli: nessuno.