Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lettere al direttore

Ospedale di Rapallo: i suggerimenti di Art. Uno, Rifondazione e Possibile

Articolo Uno, Rifondazione Comunista e Rapallo Possibile, a seguito dei recenti interventi politici comunali, molte volte operazioni di facciata, se non proprio proposte demagogiche portate avanti da esponenti della maggioranza e della minoranza cittadine, e della richiesta all’Assessore Regionale alla Sanità Sonia Viale di un intervento per dirimere le diverse controversie sul futuro dell’Ospedale di Rapallo, desiderano offrire un contributo importante e costruttivo.

Partendo dal principio non indiscutibile sul solo utilizzo pubblico della Struttura, la nostra proposta indica un metodo che porterebbe ad utilizzare l’ospedale in modo completo e soddisfacente per la cittadinanza sia Rapallese che per quella di tutto il territorio ASL 4 Chiavarese.

Richiesta di accorpamento di tutta l’attività chirurgica Ambulatoriale distaccata nei Poli Ospedalieri di Lavagna e Sestri Levante; questo comporterebbe l’uso sulle 12 ore delle Sale Operatorie che sono le uniche all’avanguardia in senso di sterilità e funzionalità sia nell’ASL4 Chiavarese sia nell’ASL 3 Genovese;

Apertura di 12 ore della Radiologia, in supporto clinico al Primo Intervento; anche con solo un Tecnico di Radiologia: la refertazione potrà essere effettuata in remoto dalla Radiologia di Lavagna sede di DEA. Tale proposta eliminerebbe i disagi agli utenti, i costi di trasporto a carico della ASL, ed, in ultimo, implementerebbe l’efficienza del percorso diagnostico terapeutico in caso di esclusione di sospette fratture ossee. Per pazienti chirurgici, sarà mantenuta l’attuale procedura (tramite la centrale del 118, il paziente viene trasferito direttamente al DEA di Lavagna);

Implementazione dell’ attività ambulatoriale del Distretto Socio Sanitario 14 sia con altre branche Specialistiche come Odontoiatria (presente nei Distretti 15 e 16), Geriatria e altre, sia con l’ampliamento dell’orario;

Attivazione delle funzioni del Distretto in collaborazione con i Medici di Medicina Generale per meglio definire i percorsi diagnostici degli Assistiti. Chiediamo all’Assessore Dr. Viale se prevede l’attuazione della DGR 1717/2013 riordino delle attività distrettuali e delle cure primarie. Direttive vincolanti per le AA.SS.Locali ai sensi della L.R. 41/2006; ARS Liguria Determina DG n.106/2013.

Il nostro intento è che i nostri suggerimenti all’Assessore siano da sprone prima della stesura di un nuovo Piano Sanitario Regionale, anche in vista di probabili ridefinizioni negli assetti delle AA.SS.LL.: chiediamo di tenere presente sia la morfologia della ns. Regone (la territorialità Ligure è molto complessa, differentemente dalla Lombardia o del Piemonte) sia i suoi abitanti (la nostra regione ha la più alta percentuale di popolazione anziana e di conseguenza una maggiore richiesta di Assistenza Primaria).

Dopo anni di tagli, le AA.SS.LL. della Regione hanno carenze di Personale Sanitario del Comparto (Infermieri, Fisioterapisti ecc.) e Personale OSS ( Operatore Socio Sanitario) chiediamo quindi all’Assessore Dr. Viale di dare priorità a tali professionalità al fine di offrire ai Cittadini Liguri un’assistenza efficace ed efficiente sia a livello Ospedaliero che nell’Assistenza Domiciliare.