Quantcast
Genova

Navebus, Dagnino risponde alla Regione: “Per noi è un servizio importante”

Genova. “Leggiamo che l’assessore Berrino chiede al Comune di Genova di valutare se la Navebus, il servizio di collegamento via nave tra Pegli e il Porto Antico, è da considerarsi servizio strategico. Voglio ricordare che la regione Liguria dal 2007 ha finanziato con fondi specifici il servizio Navebus riconoscendo ad esso il carattere di servizio essenziale di base, quello che la legge definisce ‘servizio minimo’”. Lo dice l’assessore ai trasporti Anna Maria Dagnino.

Infatti la legge regionale che governa il trasporto pubblico affida alla Regione il compito fondamentale di pianificare, programmare, scegliere e definire il servizio nelle diverse modalità di gomma, ferro e altro, e determina anche nello specifico i programmi di esercizio. In altre parole quello che è strategico nel trasporto della regione.

“Nulla di tutto questo è attribuito ai Comuni che possono soltanto, se vogliono, finanziare altri servizi in più, quelli chiamati aggiuntivi. Prendiamo dunque atto della diversa scelta che la Regione si appresta ad operare relativamente alla Navebus. La Regione stessa del resto possiede nella sua ricca banca dati, costantemente implementata dalle aziende di trasporto, tutte le informazioni di quantificazione dell’utenza, di costi, di load factor (l’indice di riempimento) per poter supportare questa scelta. Al contrario noi pensiamo che la Navebus sia un importante valore aggiunto per il territorio del ponente, sotto il profilo del trasporto ma ancor più sotto l’aspetto turistico, e auspichiamo che essa venga sostenuta anche dalle politiche turistiche del nostro territorio dove Pegli ha, per i diversi valori ambientali e artistici che lo caratterizzano, un importante ruolo”, termina Dagnino.

leggi anche
  • Per il 2016
    Navebus, altri 170 mila euro dalla Regione Liguria