Quantcast
Convivenza

Musulmani e francesi di Genova, oltre il terrore: “Non ci faremo intimidire”

Genova. Tutti per mano in piazza De Ferrari, poi il grido che si alza: “Pace, pace”. Si moltiplicano le manifestazioni di tolleranza per rispondere agli attacchi terroristici di Parigi, mentre il mondo precipita ancora una volta nella guerra e nella paura.

Così la comunità musulmana ha deciso oggi di riunirsi nel centro di Genova per riaffermare il dovere della convivenza pacifica di tutti i popoli. ”

“Alla guerra – spiegano – noi rispondiamo con un gesto di pace. I morti ci sono a Parigi e in tutto il mondo, anche in queste ore. Noi non crediamo che la risposta agli spari siano le bombe”.

Una posizione ribadita anche da Mariange Amico rappresentante dell’Alliance Francaise. “La cultura francese – spiega – è universalista, evidentemente il dialogo deve continuare e le culture si devono confrontare. Non vogliamo rinnegare il nostro arricchimento, non ci faremo intimidire, non ci toglieranno la gioia di vivere tutti insieme”.

leggi anche
  • Insieme
    “Sono musulmano, chiedo un abbraccio”. Bendato contro intolleranza e terrorismo
  • Confusione
    Attentato a Parigi, contrordine: la Seat nera era quella trovata a Parigi
  • Psicosi
    Attentato a Parigi, falso allarme su treno Torino-Genova
  • Per le vittime
    Attentato a Parigi, in Liguria un minuto di silenzio prima della riunione di giunta
  • Eid al-fitr
    Genova, finisce il Ramadan: migliaia all’Acquasola, domani festa al Ducale