Quantcast

Lettera al direttore

Marco Conti (Popolo per Sestri): “100 mq per 500 euro al mese all’Annunziata. Concorrenza sleale”

Il progetto “vetrina dei sapori” – che ha ricevuto finanziamenti dalla Regione pari a € 30.900 e un prestigioso spazio pubblico di mq 100 nel convento dell’ Annunziata a € 500,00 mensili – nelle intenzioni ha come obiettivo la valorizzazione delle produzioni rurali di eccellenza ma, nei fatti, è una pura e semplice attività commerciale dedita alla vendita e alla somministrazione di bevande e alimenti.
Insomma, un chiaro esempio di concorrenza sleale (con la complicità del Comune di Sestri Levante) ai danni degli operatori commerciali della città, già vessati da un’ alta tassazione e da canoni di affitto che nel centro storico sono superiori ai € 2.000,00 mensili!
Tra l’ altro si configurerebbe anche un danno erariale visto che l’ osservatorio immobiliare dell’ Agenzia delle Entrate prevederebbe un canone che si aggira intorno a € 2.500,00 mensili!!!
La presenza della politica si fa sentire in quanto sono coinvolti un cugino di un assessore e un candidato della lista civica del Sindaco Valentina Ghio “La Sestri che vogliamo”.
Per questo motivo ho presentato una segnalazione alle autorità competenti per richiedere la verifica del rispetto dei requisiti previsti dal progetto Terragir2, che ha erogato i finanziamenti pubblici.
Inoltre in occasione del congresso sulla Cannabis, svoltosi all’ Annunziata il 18 settembre 2015, sembrerebbe che il servizio di catering sia stato svolto da una società, la Emporio Sas che tra l’ altro svolge l’ attività di gestione del progetto “Accademia dei Sapori”, senza averne i requisiti visto che era stata esclusa dalla Mediaterraneo Servizi nella procedura per l’ affidamento dei relativi servizi. Il tutto è testimoniato dalle fotografie pubblicato sulla pagina facebook “Tapullo Shop&Taste”, il punto di vendita e di somministrazione legato alla “Vetrina dei Sapori”.
Emporio Sas, Accademia dei Sapori e Tapullo rappresentano un tutt’uno, come risulta dalle visure camerali in mio possesso!
Da non dimenticare che il progetto Terragir prevede la rete di un itinerario trasfrontaliero ben delineato,Liguria-Sardegna-Toscana e Corsica, che nulla ha a che fare con la serata gastronomica messicana organizzata dal “Tapullo Shop&Taste” la scorsa settimana!
Valorizzare il territorio e le sue produzioni è un’ ottima iniziativa ma fare mera attività commerciale in regime agevolato è sleale e scorretto, alla faccia della trasparenza tanto sbandierata dal Sindaco in campagna elettorale.

Marco Conti capogruppo Popolo per Sestri