Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Liguria approda a Bollywood: Genova e Savona nel film One Way Ticket fotogallery

Dronework ha fatto alcune riprese dall'alto nella fase finale del film

Più informazioni su

Genova. Italia, Spagna Francia, Barcellona, Marsiglia, Genova e Savona. Sono queste le location scelte da una delle produzioni di Bollywood in lingua Marathi, il film One Way Ticket.

La Liguria, quindi, diventa un bellissimo set naturale per immagini che saranno viste da un potenziale pubblico di 30 milioni di persone e in questo contesto Dronework è stata chiamata ad effettuare alcune riprese nella fase finale del film girate a Savona e fornirà immagini cinematografiche “dall’alto” di un particolare momento.

“Abbiamo effettuato riprese in area critica, scenari misti, in tutta sicurezza transennando adeguatamente l’area delle operazioni come prevede la legge – dichiara Mauro Rattone, responsabile di Malg, società genovese proprietaria del marchio Dronework – ci è stato chiesto di filmare parte della scena finale, che non riveliamo per ovvie ragioni, e attracco e partenza di una delle navi della Costa crociere, a bordo delle quale si svolgerà parte del film”.

Il pilota autorizzato Enac è stato Marco de Alessandri, partner di Dronework. “Siamo ad oggi gli unici in Liguria a poter operare con autorizzazione Enac anche nelle aree urbane per le cosiddette operazioni critiche (scenari misti) con droni superiori a 300 grammi e questo grazie al fatto che siamo stati i primi ad avere tutte le carte in regola per operare in regola con la legge vigente”.

La produzione indiana si è dichiarata molto soddisfatta delle immagini girate, che daranno certamente un piccolo valore aggiunto all’opera cinematografica nella fase finale del film che avrà una scena particolarmente toccante. La prossima settimana la troupe si sposterà a Genova.

Un’esperienza importante che potrebbe aprire la strada della specializzazione cinematografica per la giovane impresa genovese che opera tra il laboratorio meccanico ed elettronico di Arenzano (in partnership con la società LI.SA di Marco de Alessandri) e la val di Vara dove viene effettuata la sperimentazione dei mezzi volanti.