Filmati e scovati

Genova, ladri fermati grazie a WhatsApp

Savona, una nuova auto per la squadra volante della Polizia

Genova. Hanno saccheggiato i distributori automatici di un negozio di via Balbi, ma la loro fuga è durata appena un’ora. Questa mattina, alle prime luci dell’alba, la Polizia ha fermato un marocchino di 26 anni e un tunisino di 35, entrambi pluripregiudicati ed irregolari, per il reato di furto aggravato in concorso tra loro.

I due sono stati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza installate nel negozio, mentre asportavano il denaro contenuto in una macchinetta, circa 300 euro.
Gli agenti, dopo la richiesta d’intervento del proprietario dell’esercizio, hanno immediatamente acquisito le immagini registrate dalle telecamere, grazie alle quali è stato possibile diramare a tutte le volanti, anche grazie a WhatsApp, una nota di rintraccio corredata da un’accurata descrizione dei due ladri.

Al momento del fermo, avvenuto solo un’ora più tardi, il cittadino marocchino è stato trovato in possesso di un cacciavite ed inoltre presentava una vistosa ferita alla mano: sulla macchinetta forzata i poliziotti avevano rinvenuto tracce di sangue.

leggi anche
Carabinieri
Cronaca
Genova, furto in via Gianelli: spariscono gruppo elettrogeno e saldatrice
slotmachine
Cronaca
Molassana, furto in un bar: spariscono due slot e 2 mila euro
Arresto Carabinieri
Il colpo
Maxi furto a Sant’Olcese: bottino da 10 mila euro in gioielli
Carabinieri
Genova
Maxi furto di biancheria a Genova: bottino da 10 mila euro