Quantcast
Mobilitazione

Futuro incerto per il biglietto integrato treno-bus, consumatori: “Inaccettabile”

Genova. Addio al biglietto integrato Amt/Trenitalia. “Ecco quale potrebbe essere per i cittadini lo scotto da pagare con l’arrivo dell’anno nuovo. Alla mancanza di risorse, all’incertezza sul futuro dovuto al rinvio della gara sul bacino unico dei trasporti, si aggiunge anche questo: il rischio concreto della cancellazione di un servizio probabilmente sottovalutato, ma di fondamentale importanza in una città come Genova, notoriamente “difficile” in termini di mobilità a causa della sua conformazione morfologica”. A denunciare il problema ci pensano in prima battuta le Associazioni Consumatori del CLCU (Coordinamento Ligure Consumatori e Utenti), che rivendicano l’assoluta necessità di una moratoria.

La convenzione per il biglietto integrato, infatti, scadrà a fine 2015, ma l’accordo, fin’ora sempre prorogato, tra Regione Liguria – Comune di Genova – Trenitalia – Amt questa volta tarda ad arrivare. La Regione, in particolare, non ha confermato per il 2016 lo stanziamento da un milione e centomila euro versato fino a oggi nelle casse di Trenitalia per il biglietto integrato che, secondo la Giunta, costerebbe troppo poco. Il biglietto integrato Amt/Trenitalia, però, rappresenta una risorsa irrinunciabile per chi si muove sul bacino metropolitano genovese e per i numerosi cittadini che, dovendosi spostare dalle alture o dalla periferia, sono costretti ad affidarsi al trasporto pubblico, sia su gomma che su ferro.

“Il biglietto integrato doveva rappresentare solo il primo passo verso un’integrazione superiore e modale all’interno del sistema del trasporto pubblico locale. Privare i cittadini di questo servizio o aumentarne il prezzo significa appesantire significativamente i bilanci familiari e incoraggiare l’uso dei mezzi privati”, ha dichiarato Stefano Salvetti, Presidente regionale Adiconsum e portavoce del Coordinamento Ligure Consumatori e Utenti.

Ecco perché le Associazioni Consumatori del CLCU chiedono con forza un tavolo congiunto con Regione e Comune, al fine di determinare le quote di partecipazione tra Trenitalia e Amt. A poche settimane dalla scadenza del contratto di servizio, è importante più che mai difendere i diritti dei consumatori e conservare i servizi per loro indispensabili.

leggi anche
  • Bad news
    Biglietto integrato treno-bus verso l’aumento, Berrino: “Costa troppo poco”
  • Genova
    Nuovo aumento del biglietto integrato treno-bus? Dagnino: “Totalmente contrari”