Quantcast
Strage in francia

Attentato a Parigi: le reazioni dei genovesi, tra solidarietà e rabbia fotogallery

Risveglio shock dopo i tragici fatti francesi: molti commentano, altri si chiudono nel silenzio.

Provincia. Una serata e una notte shock, un risveglio ancora più terribile. Il mattino dopo, quando il bilancio dei tragici eventi di Parigi inizia a diventare chiaro, i genovesi sono chi impietrito, chi furioso, chi preoccupato per il futuro.

La carneficina di Parigi, dove questa notte ha avuto luogo un attacco terroristico senza precedenti in Europa, ha sconvolto un po’ tutti. Sarebbero circa 120 i morti, ma le stime sono ancora provvisorie: almeno sette le sparatorie e tre le esplosioni, durante i quali alcuni testimoni hanno sentito gridare “Allah u Akbar” (Allah è grande).

Intanto nei bar genovesi, reali o virtuali, non si parla d’altro che dell’attentato francese, di “quanto è pericoloso l’Isis”, della “terza guerra mondiale in arrivo”; si riflette sul fatto che “questi non sono islamici, ma assassini” o al contrario si invocano gli “aerei da guerra in volo, subito”. Ed esattamente come sta accadendo per la gente comune, anche il mondo politico sta reagendo e commentando l’attentato di Parigi.

“L’orrore del fanatismo più sanguinario mira a soffocare ogni spazio di vita, di libertà, di diritto umano, di quotidiana normalità. Genova esprime solidarietà alla vicina Francia. L’attacco è contro tutti, la barbarie cerca altra barbarie. Fare il vuoto attorno al terrorismo, impedire che il fanatismo possa trovare anche involontarie complicità, significa essere e sentirsi comunità, una comunità che, mentre deve intensificare la vigilanza e la sicurezza, trova forza nella propria coesione, reagisce al pericolo con l’unità, mostra di credere fermamente nella democrazia e nei valori di civiltà”. Lo dice il sindaco di Genova, Marco Doria.

“In queste ore stiamo seguendo con apprensione una tragedia che coinvolge tutto il popolo europeo. Siamo vicini a ‎Parigi e alla Francia‬ in questo momento di dolore, paura e smarrimento”, scrive il sindaco di Rapallo, Carlo Bagnasco, su Facebook.

Il Comune di Sestri Levante abbraccia la città di Parigi e ha inviato un telegramma al sindaco Anne Hidalgo: “Il Comune di Sestri Levante si stringe attorno ai cittadini e alle famiglie delle vittime, condannando con fermezza ogni forma di violenza e di odio. Noi non vogliamo farci sconfiggere né dalla paura né dalla follia del terrorismo. Dobbiamo continuare a coltivare e difendere la cultura, la democrazia, la liberta, valori di cui Parigi è città simbolo per tutti”.

Solidarietà anche dal sindaco di Chiavari, Roberto Levaggi: “Queste persone che hanno fatto le stragi vogliono distruggere la nostra cultura, la democrazia”, scrive su Facebook.

“Quanto accade a Parigi merita pensieri e parole che non siano vuote, retoriche, sapute. Vale anche il silenzio. Almeno per qualche ora. A Palazzo Ducale abbiamo la mostra di un straordinario fotografo, Brassai, che racconta la Parigi che amiamo: quella della libertà. Ci sembra un gesto piccolo e solo simbolico tenerla aperta a tutti gratuitamente da oggi pomeriggio a domani sera. Questo come omaggio a una città di cui non solo da oggi ci sentiamo tutti cittadini. Domani pomeriggio sarà da noi (se riuscirà ad arrivare) Yasmina Kadra forse il massimo scrittore algerino. Se di entrambe le cose aiutate a dare notizia crediamo sia cosa che serva a tutti noi. Anche senza parole. Se volete/potete condividete”. Lo scrive su Facebook il presidente della Fondazione Palazzo Ducale, Luca Borzani.

“Cordoglio per le vittime della barbarie nazista dell’Isis, no sciacallaggio politico su una simile tragedia”, scrive in una nota Jacopo Ricciardi (Prc Liguria”.

Sui social network gira poi una foto in cui si vedono due donne, una con il volto coperto e gli occhi aperti, l’altra con il viso scoperto, ma gli occhi bendati. Sulla prima immagine c’è scritto oriente, sull’altra occidente. A condividerla sono anche molti politici, tra cui il consigliere regionale di Forza Italia Angelo Vaccarezza e Marco Conti, consiglio comunale di Sestri Levante (Popolo per Sestri).

“Ora basta con l’accoglienza e con le immagini dei poveri naufraghi del mediterraneo. Io sto con gli italiani i francesi, gli europei. Espulsioni, stop immigrazione e difendiamoci o qui si finisce tutti male”, scrive l’assessore regionale Edoardo Rixi (Lega Nord) sulla sua pagina Facebook.

Duro il commento della segreteria regionale di Alternativa Tricolore: “La nostra solidarietà a tutti i francesi residenti nella nostra Regione e all’intero popolo transalpino colpiti dalla violenza fanatica e folle dei militanti islamici che in nome di una religione legittimano l’odio la violenza e la morte. Massima attenzione da parte del Ministero degli interni, sospensione di tutte le operazioni che favoriscano l’arrivo di nuovi migranti o ‘presunti profughi’ tra i quali si annidano cellule terroristiche e messa al bando l’insieme della filiera che, a partire dalla predicazione d’odio nelle moschee culmina poi negli attentati terroristici islamici”.

Molti genovesi, politici e non, hanno invece cambiato la propria immagine del profilo mettendo una bandiera francese a lutto o il simbolo della pace con all’interno la tour Eiffel, come Anna Giacobbe, deputata ligure del Partito Democratico o il presidente di Arci Liguria, Walter Massa.

“Con sgomento ed estremo dolore ho seguito lo sviluppo dei tragici attentati di Parigi della scorsa notte. Non è la prima volta che si cerca di colpire al cuore l’Europa e i suoi valori di pace, libertà e democrazia. E nemmeno questa volta dobbiamo cedere a chi con la violenza vuole provocare altra violenza, xenofobia e seminare l’odio”, afferma la Senatrice Donatella Albano del Partito Democratico, “in tutta Italia si stanno organizzando in queste ore manifestazioni di solidarietà verso la Francia e invito tutti i cittadini a partecipare, a scendere in piazza, per dire con coraggio che il terrorismo non ci farà sprofondare nella barbarie. Personalmente sarò presente domani alla manifestazione davanti alla sede del Consolato francese di Ventimiglia in Piazza XX Settembre, insieme agli Amministratori locali e delle Istituzioni”.

leggi anche
parigi
Strage in francia
Attentato a Parigi, la Farnesina invita gli italiani a non spostarsi. Toti: “E’ l’ora di una risposta efficace”