Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Violenze di ogni tipo dai compagni di cella nel carcere di Pontedecimo, tre arresti

Un calvario durato tre mesi per un 38enne invalido

Genova. Violenze infinite, anche sessuali. E’ il calvario di M. A., 38 anni, invalido specializzato in truffa alle banche e rinchiuso nel carcere di Pontedecimo. I suoi aguzzini sarebbero i compagni di cella, M. C., 46 anni, di Albenga, S. I., 32 anni originario di Modica e M. C., 30 anni di Genova.

Tutto sarebbe accaduto nel giro di tre mesi, dal marzo al maggio di quest’anno: sulla vittima, secondo la ricostruzione degli inquirenti, si sarebbe scatenata un’escalation di violenze fisiche (sarebbe anche stato bruciato con un fornelletto elettrico), sessuali, ma anche minacce con richieste continue di soldi. Fino ad arrivare a un presunto debito di 18 mila euro.

Alla fine M.A. avrebbe però raccontato tutto alla zia che periodicamente si recava a fargli visita in carcere: la donna quindi ha denunciato tutto al commissariato di Sestri Ponente. Partono le indagini al termine delle quali nei confronti dei tre detenuti viene emessa un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per le pesanti accuse di estorsione, lesioni gravi e violenze.

Il 30enne genovese M.C., nel frattempo, era stato scarcerato ed è stato arrestato a Milano, gli altri due invece erano ancora detenuti. L’albenganese M.C., assistito dall’avvocato Maria Luisa Formato, nello specifico è in cella nel carcere di Spezia dove è stato trasferito diversi mesi fa. L’uomo ha negato con decisione il suo coinvolgimento in questa vicenda che, peraltro, come emerge dal capo d’imputazione sarebbe comunque marginale. Lunedì, davanti al gip, ha spiegato di essere estraneo a quelle accuse: secondo la difesa, tra l’altro, M.C. e la presunta vittima avevano un rapporto di amicizia ed andavano molto d’accordo.