Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Villa David Chiossone compie 10 anni: 700 bambini seguiti e terapie innovative foto

Più informazioni su

Genova. Villa David Chiossone, il polo pediatrico dell’Istituto David Chiossone onlus per i ciechi e gli ipovedenti, in Corso Italia a Genova, festeggia 10 anni a servizio dei più piccoli.

Sono oltre 700 i bambini e i ragazzi con gravi problemi di vista, provenienti dalla Liguria ma anche dal resto d’Italia, che in questi anni sono stati seguiti nel Centro di Riabilitazione Visiva per l’Età Evolutiva, con percorsi di riabilitazione personalizzati e globali che, fin dai primi mesi di vita, li accompagnano nelle diverse fasi della crescita, per valorizzare al meglio risorse e potenzialità personali e promuovere una crescita armonica, affiancando anche la famiglia e la scuola.

In particolare, sono stati 582 gli utenti liguri. Sempre più incidente, tra questi, il numero di utenti (oltre il 46%) che, oltre ad essere ciechi o ipovedenti sono portatori anche di altre disabilità e quindi presentano problematiche ancora più gravi e complesse degli assistiti che presentano esclusivamente disabilità visiva (circa il 49%).

Nel centro di Villa Chiossone, inoltre, a partire dal 2007 si è avviata la presa in carico sperimentale di bambini autistici, basata sull’ipotesi che questi utenti, colpiti nella capacità di comunicazione, potessero trarre giovamento anche dalle metodologie riabilitative usate per i disabili visivi. L’esito positivo della sperimentazione, durata due anni, ha condotto il Chiossone a realizzare, in altra sede, uno specifico centro che ha oggi in carico circa una trentina di bambini autistici (circa il 5% degli utenti liguri).

Per andare sempre più incontro agli utenti fuori Genova (17%) e fuori Liguria (19%), che rappresentano nel loro complesso il 36% del totale, l’Istituto Chiossone ha aperto inoltre tre ambulatori sul territorio ligure – alla Spezia, presso l’Ospedale Felettino, a Sarzana, presso l’Ospedale San Bartolomeo, e a Imperia, presso l’ambulatorio di riabilitazione della ASL1 – e ha messo a punto una serie di soluzioni riabilitative intensive, con cicli di prestazioni condensati e periodici.

Le terapie e tecniche più innovative vengono applicate a Villa Chiossone per affrontare i problemi di percezione dei neonati, dei bambini e degli adolescenti, in un ambiente sereno ed attento alle loro esigenze: dalla pet therapy – che, dopo una rigorosa sperimentazione, a partire dal 2006 è stata introdotta stabilmente tra i servizi di riabilitazione – alle stimolazioni nel nuovo ambiente multisensoriale Snoezelen – che attraverso luci, colori, profumi, suoni e musiche promuovono lo sviluppo sensoriale e psicomotorio, facilitando l’interazione con l’ambiente e la comunicazione non verbale.

A fare di Villa Chiossone un polo all’avanguardia a livello nazionale nella riabilitazione visiva e nella ricerca sono anche le prestigiose partnership con l’IIT – Istituto Italiano di Tecnologia e con all’Istituto Pediatrico Giannina Gaslini

Insieme all’IIT si stanno sperimentando a Villa Chiossone due importanti progetti europei: ABBI (Audio Bracelet for Blind Interaction), un braccialetto sonoro che punta al miglioramento delle capacità spaziali attraverso l’uso del suono associato al movimento del corpo, che sta coinvolgendo 6 bambini di età precoce, compresa tra 1 e 5 anni, e 20 ragazzi tra i 6 e i 18 anni, e Blindpad, un dispositivo personale e portatile che offre informazioni in rilievo e mappe tattili per migliorare le capacità di apprendimento, l’orientamento e la mobilità in spazi sconosciuti, testato ad oggi da 32 disabili visivi, di cui 16 ragazzi tra i 13 e i 18 anni e 16 adulti.

Con l’Istituto Pediatrico Giannina Gaslini è attiva invece dal 2014 una convenzione che, rafforzando una consolidata e storica collaborazione, ha consentito in un anno la presa in carico congiunta di 12 bambini con disabilità visiva degenti presso l’ospedale pediatrico.

La collaborazione con il Gaslini risale al 1998, con un pionieristico accordo per lo screening oculistico neonatale. In sedici anni l’Istituto Chiossone ha visitato a Genova oltre 40.000 nuovi nati nei principali nosocomi cittadini (circa metà della popolazione neonatale genovese), con l’obiettivo di effettuare una diagnosi precoce delle patologie visive. Un progetto che conferma l’Istituto Chiossone all’avanguardia nella prevenzione oftalmologica infantile.

Per festeggiare il suo decimo compleanno e gli importanti traguardi raggiunti, sabato 17 ottobre Villa Chiossone si apre alla città con uno speciale Open Day: dalle 10 alle 18, una giornata ricca di appuntamenti tra laboratori e giochi sensoriali per i bambini e visite guidate per conoscere le attività del Centro di Riabilitazione e il patrimonio storico e artistico della splendida Villa in stile Coppedè.