Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Via dell’Acciaio implacabile; GoliardicaPolis vittoria in rimonta risultati

Rallentano Campese e Vecchia Audace Campomorone che pareggiano. Reti inviolate nel derby Prato-Struppa. Finale da infarti per il San Bernardino

Si va delineando ormai la classifica di Prima categoria girone C, con un distacco tra la vetta e la zona playout di 8 punti. Certo siamo ancora alla 6^ di campionato, ma alcuni verdetti il campo li ha già dati.

Primo fra questi è la voglia di giocare un campionato da protagonista del Via dell’Acciaio, specie dopo il polverone suscitato dal dopo partita della settimana scorsa contro il San Gottardo. Torna a vincere la squadra blaugrana, contro il Mura Angeli  in trasferta, con un secco 0-4, risultato che non rende merito, però alla partita del Mura che va sotto al 31° solo grazie alla bravura di Ferraro su punizione.

Nella ripresa si aprono gli spazi con i padroni di casa in cerca di un fondamentale pareggio e gli ospiti che sanno soffrire e pungere inesorabilmente in contropiede. Al 75° arriva lo 0-2 con Akkari che parte sul filo del fuorigioco (che secondo gli avversari era invece netto), e supera il portiere avversario. Il match viene chiuso virtualmente da Cantoro all’80° con una bella azione di squadra .

Il quarto gol è ancora di Akkari con un bel pallonetto che vale il primo posto in classifica per il Via dell’Acciaio e l’ultimo per il Mura Angeli.

In vetta c’è anche la GoliardicaPolis, che ha dalla sua il vantaggio di avere già riposato rispetto al Via dell’Acciaio. La vittoria arriva sul campo del Leivi (1-2), squadra coriacea che si dimostra in grado di combattere contro qualsiasi squadra. Non a caso passa in vantaggio al 44° del primo tempo e tiene fino a meno di quindici minuti dal termine, quando Converti riporta tutto in pari. La Goliardica trova nuove energie, soprattutto sente che l’inerzia della partita, fino a quel momento piuttosto equilibrata con un Leivi bravo a tenere il vantaggio senza concedere spazi agli avversari, è cambiato.

Così all’85° è Zani che va a rete e sancisce la vittoria degli ospiti, un risultato che a metà partita non era prevedibile, ma che diventa l’amara realtà per un Leivi che paga il calo di tensione.

Rallenta la Campese che sul campo della Calvarese (1-1) deve fare i conti contro la fame di punti dei padroni di casa. Va detto che la squadra di casa è conscia del divario tecnico in campo, e si limita a difendere cercado gloria in sporadiche sortite offensive. Al 30° Solidoro coglie il palo per la Campese, ma si rifà dieci minuti dopo con un bel colpo di testa che porta in vantaggio la squadra di Campo Ligure. La partita prosegue con la Calvarese che dovrebbe cercare il pareggio, ma fa fatica ad organizzare la propria manovra, poi, complice la stanchezza, la Campese rallenta e i padroni di casa ne approfittano pareggiando a una manciata di secondi dal termine con Poggi che trova sul suo tiro anche una fortunata deviazione.

Calvarese che mette in cascina un punticino prezioso e forse insperato, Campese che vede allontanarsi, seppur di poco la testa della classifica.

Pareggio a reti bianche tra San Gottardo e Vecchia Audace Campomorone (0-0). Risultato certamente che fa più felice i padroni di casa che dopo la vittoria di settimana scorsa, si confermano una formazione ostica, in grado di fare un ottimo campionato e puntare anche più in alto. San Gottardo meglio disposto e con un palleggio migliore, mentre la Vecchia Audace prova a giocarsi la carta delle ripartenze, senza evidenti risultati. Alla fine i campomoronesi rimangono a -2 dalla vetta, mentre per il San Gottardo 8 punti in 5 partite valgono il sesto posto.

Non approfitta degli stop delle squadre suddette il Prato 2013, chiamato a vincere il derby sentitissimo contro lo Struppa. Anche qui, però prevale l’agonismo e la paura di lasciare spazi agli avversari. Il finale quindi è uno 0-0 molto muscolare, con il Prato che chiude in 10 uomini e lo Struppa che poteva fare certamente di più per tentare di portarsi a casa il derby.

Chi recrimina i punti persi per strada è senza dubbio la Sampierdarenese, che pareggia nello scontro diretto in zona playout con il PonteX (2-2). Risultato che sa di beffa visto che dopo 13’ i sampierdarenesi erano già in vantaggio con Rizqaoui per lo 0-1 che tiene tutto il primo tempo. L’inizio della ripresa sembra certificare la vittoria ospite, con Conto che sfrutta un erroraccio del portiere avversario e insacca lo 0-2. In due minuti, però la Sampierdarenese fa harakiri, lasciando pirma solo Deodato in area sugli sviluppi di una punizione, che insacca accorciando il risultato. Poi, al 77° un errore di un difensore sampierdarenese porta al rigore per il PonteX che con il “solito” Ghiglino pareggia.

Chi se la gode è il San Bernardino Solferino che torna alla vittoria (3-2) in casa sul San Siro Struppa, che viene scavalcato in classifica proprio dai neroverdi. La partita è certamente la più emozionante di giornata con il San Siro che passa al 25° con Pezzoli e tiene bene il campo poi fino a fine tempo. Nella ripresa succede tutto in 15 minuti. Al 76° Zamana porta sullo 0-2 i suoi, facendoli illudere di aver chiuso la partita. Dopo soli due minuti Cozza accorcia le distanze.

La partita scorre con i tentativi del San Bernardino di pareggiare e il San Siro, barcollante, ma ancora in piedi, che tiene. Al 91°, però arriva il gol di Curcio che stordisce e manda in confusione la squadra ospite. Non è finita, perché in pieno recupero arriva anche il terzo gol dei locali firmato da Caraglio che fa esplodere di gioia, e anche incredulità i supporters neroverdi.