Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Torriglia in testa fra le polemiche. Inseguono in tre risultati

Vittoria sul Galata che non ci sta e accusa l’arbitro di essersi fatto influenzare. Imolese e Voltri 87 pareggiano e vengono raggiunti da un travolgente Fegino

Il Torriglia si conferma, seppur fra mille polemiche, prima forza del campionato di Seconda categoria girone c.

Nell’anticipo di sabato la squadra biancazzurra vince con un gol giunto a pochi minuti dal termine contro un buon Galata, squadra difficile da affrontare a dispetto della classifica impietosa che la vede relegata nelle ultime posizioni con un solo punto in cinque gare.

Primo tempo equilibrato, ma partita nervosa che si decide su due episodi che prima lasciano in 10 il Galata, poi all’83° Barbieri segna il gol decisivo. Come detto, però il match è nervoso e alla fine la dirigenza ospite accusa il Torriglia di avere fatto pressione sull’arbitro il quale si sarebbe fatto influenzare dall’ambiente “caldo” . Dall’altra parte si minimizza ed anzi Margari, mister del Torriglia fa notare come, a suo dire, vi fossero due rigori per la sua squadra.

Aldilà delle polemiche comunque, il Torriglia rimane prima sola in testa anche perché l’Isolese nel posticipo delle 15, pareggia fra le mura amiche contro uno Sciarborasca quadrato e determinato che va in vantaggio con Angella e viene raggiunta solo da un rigore di bomber Stumpo che marca visita anche oggi regalando un punto ai biancoverdi.

Anche il Voltri 87 rallenta contro la Stella Sestrese che conferma di essere in ottima condizione e dopo il pareggio contro il Torriglia di sette giorni prima, blocca sul pari (1-1) anche i voltresi.

Sestresi che mettono paura in almeno tre occasioni nitide con Aufiero, Berto e poi Ferrando, ma subisce il gol nel finale di tempo. La rete, però viene annullata per fuorigioco.

Ad inizio secondo tempo, però il Voltri passa su calcio di rigore di Sangineto. Dieci minuti dopo la Stella rimane in dieci uomini e il pareggio si allontana, ma Gatto all’83° raccoglie un bell’assist di Nicoletta e fa uno a uno, meritato per quanto visto in campo.

Il Fegino annienta il Carignano (6-1) e aggancia Voltri 87 e Isolese al secondo posto, esprimendo finalmente tutte le potenzialità finora smorzate da prestazioni sottotono. Parte forte il Fegino che va in gol con Lamonica al 14° e raddoppia al 19° con Seidita. Il Carignano reagisce e tre minuti dopo Magazzini accorcia. Neanche il tempo di riprendere e al 23° è ancora gol del Fegino con Menegatti che chiude le marcarture per questa prima fase di gioco.

Nella ripresa il Fegino prende il volo, al 50° è di nuovo Lamonica che sigla il poker rossoblu ed è 4-1. Il Carignano a questo punto tira i remi in barca e tenta di tappare i buchi, ma all’81° arriva la doppietta di Seidita e al 90° Lamonica si toglie la soddisfazione di segnare il quarto gol personale.

La Genovese Boccadasse si impone sull’ultima della classe, Pro Pontedecimo con un rotondo 4-0 che vale il quinto posto a pari punti con l’Isolani, ma con una migliore differenza reti.

La partita inizia lenta e bisogna attendere la mezzora per vedere il primo gol di Giordani che riesce a portare in vantaggio i suoi. Nella ripresa si rivede Trocino che fa 2-0 al 60° e, dopo il terzo gol del neo arrivato Friedman al 75°, fa doppietta al 78°. Buio pesto per la Pro che non riesce a trovare il bandolo della matassa di questo campionato.

Pirotecnico 2-2 fra Isolani e Libraccio con gli ospiti che sfiorano la vittoria. Eusepi porta in vantaggio Il Libraccio con un siluro da fuori area sugli sviluppi di un calcio d’angolo. L’Isolani replica con un colpo di testa di Ghidella che va fuori di poco, ma il Libraccio è ancora pericoloso su calcio piazzato al 7° con Traverso che raccoglie la respinta della barriera e calcia al volo, ma la palla sfila alta.

Ironia della sorte vuole che proprio da calcio piazzato arrivi il pareggio di Borgiani che insacca un pallone in arrivo da calcio d’angolo. Le occasioni da una parta e dall’altra arrivano sempre da tiri da fermo. Al 42° è Ventura che colpisce di testa, ma il portiere del Libraccio blocca.

Nella ripresa il Libraccio si riporta in vantaggio nuovamente con Eusepi al 51° e quattro minuti dopo colpisce il palo. Al 68° l’Isolani pareggia con un preciso colpo di testa di Ascoli che supera il portiere ospite. Pareggio che fa più felice più l’Isolani che il Libraccio che rimane nelle zone basse della classifica, ma avrebbe meritato di più.

Pareggio anche fra Ravecca e Nuova Oregina che si dividono punti e posizione in classifica. La partita si sblocca al 15° con Scevola che porta in vantaggio il Ravecca che tiene fino al 50° quando Pagano pareggia i conti.