Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Torna alla vittoria la Lavagnese; RapalloBogliasco in crisi risultati fotogallery

I bianconeri di Dagnino superano l’Oltrepovoghera; rapallesi condannati dagli episodi. Pareggiano Ligorna e Sestri Levante in trasferta

Manca ancora all’appello della Serie D un en plein di vittorie delle genovesi, che ancora una volta si dividono i risultati in una giornata, la decima, che certifica il momento di crisi del RapalloBogliasco, sconfitto in casa dal Vado (1-2), e la voglia di essere protagonista della Lavagnese, che torna a vincere contro una diretta concorrente per la vetta, l’Oltrepovoghera.

Ottimo risultato in chiave salvezza per il Ligorna che “rischia” di fare il colpo grosso a Borgosesia (2-2), mentre un’Argentina in forma blocca il Sestri Levante su un pareggio a reti inviolate.

Il RapalloBogliasco è in piena crisi di risultati e perde lo scontro diretto con il Vado, che invece torna a respirare. La squadra di Coppola ancora una volta gioca bene, anche meglio degli avversari, ma concretizza poco e il risultato viene deciso dagli episodi. Il primo è l’espulsione dell’estremo difensore di Nava al 26° del primo tempo. Lancio lungo su Job, il portierone genovese è al limite dell’area e tocca con un braccio, secondo l’arbitro Madonia da Palermo, è oltre la linea. Punizione e seguente espulsione del numero 1, al posto del quale entra Casapieri, all’esordio.

Dopo un paio di minuti persi fra proteste e sostituzione, Sancinito si presenta al limite dell’area e batte una punizione perfetta che impatta sulla parte bassa della traversa e si insacca.

Passano due minuti e un’amnesia difensiva di Cammaroto e Benga lascia la porta aperta al rapido Job che si incunea fra i due e calcia al volo nell’angolino basso, imprendibile per Casapieri e 1-2 da ko per il RapalloBogliasco.

In tutto questo i bianconeri avevano controllato il gioco, mentre il Vado si limitava a spazzare l’area. La ripresa vede i rapallesi in controllo del campo che chiudono gli avversari nella propria metà campo, e al 76° Cammaroto accorcia su calcio piazzato, poco più lontano dalla posizione dove aveva realizzato Sancinito nel primo tempo.

La partita si innervosisce, con gli ospiti che vanno in confusione e tentano di rallentare il gioco, e i padroni di casa che tengono il possesso palla ma non riescono a fare breccia. All’82° Simeoni viene servito lungo in area, giunto quasi sulla linea di fondo serve di testa per l’accorrente Gallio che calcia al volo, ma un difensore rossoblu si immola deviando in angolo sulla riga. Quattro minuti dopo Marasco (una buona notizia il suo rientro dopo un lungo infortunio), appoggia di petto a Barwuah che al volo segna un gol degno del suo più noto fratello, ma per l’arbitro c’è un tocco di mano, un altro, e il gol viene annullato.

La partita si chiude quindi con un RapalloBogliasco che avrebbe meritato almeno un pareggio, dominando il campo, ma che evidenzia una sterilità in attacco che è la chiave del terzultimo posto in classifica.

Mette un mattoncino il Ligorna per la sua salvezza e sale in doppia cifra, approfittando delle  contemporanee sconfitte di Acqui e Pro Settimo. Parte forta l’undici di Mango che dopo soli 10’ passa con Costa, che si fa trovare pronto su un tiro-cross di Balla e pesca il difensore biancoblu praticamente sulla linea di porta. Il Borgosesia, però non ci sta e prende le redini della partita pareggiando al 28° con Bruzzone, abile ad arrivare per primo su un pallone vagante in mischia nell’area ligornese.

La prima frazione si conclude quindi con un tiro per parte, ma senza grosse emozioni. Nella ripresa si rivede Piraccini, protagonista del campionato vercellese la scorsa stagione, che con un bel tiro sfiora il vantaggio dopo soli due minuti. Al 9° Dondero viene salvato dalla traversa su conclusione di Dassié. Per i genovesi è il momento più difficile, con i padroni di casa che spingono per trovare il vantaggio, solo la reattività di Dondero evita ai suoi di capitolare. Al 30°, però Bottone viene trattenuto in area da Pedone. Lo stesso attaccante piemontese dal dischetto non sbaglia e porta i granata in vantaggio.

Sembra l’inizio della fine e invece in una folata offensiva, il Ligorna pareggia dopo appena tre minuti. Bruzzone atterra Piacentini lanciato a rete in area. Per l’arbitro è rigore e rosso al difensore vercellese. Dal dischetto va lo stesso Piacentini che non sbaglia e fa 2-2. Ligorna che può addirittura recriminare visto che il Borgosesia rimane addirittura in 9 per l’espulsione di Piraccini, e i genovesi prendono il completo controllo del campo. L’occasione più ghiotta è un cross teso di Cilia, sul quale non arriva nessuna deviazione.

Il Sestri Levante non riesce invece ad espugnare il campo dell’Argentina, squadra che sta attraversando un ottimo momento di forma. Poco accade in una partita che si chiude a reti inviolate, e che ha visto i corsari mettere in campo molte seconde linee, soprattutto molti giovani che hanno dimostrato di saper tenere la categoria contro una squadra di tutto rispetto. Meglio il primo tempo dei rossoblu, che comunque non riescono a infrangere una linea difensiva ben organizzata dei taggiaschi. Bene la difesa che sostanzialmente non rischia nulla. Pareggio giusto che tiene le due squadre a distanza di due punti in classifica.

Si rilancia la Lavagnese che, dopo lo stop di Castellazzo, supera di misura l’ottimo Oltrepovoghera. Ospiti che giocano sul contropiede, mentre bianconeri che puntano sulla qualità dei propri centrocampisti per manovrare e stancare gli avversari. Ci provano prima Currarino e Bruscà, rispettivamente all’11° e al 12°. Rispondono pochi minuti dopo prima Coccu, poi Di Placido che, però non impegnano severamente Nassano. Al 46° episodio dubbio su Croci, che cade in area su pressione di un avversario, ma per l’arbitro è simulazione dell’attaccante con conseguente cartellino giallo.

Nella ripresa i padroni di casa macinano gioco e prendono il controllo del campo. Al 47° Balestrero gira bene di testa, ma Cizza c’è; al 64° Currarino si divora il vantaggio da due passi. La Lavagnese è padrona del gioco e colleziona occasioni su occasioni. Al 71° Oneto fa gridare di gioia i tifosi posti sul lato opposto all’occasione, ma il tiro coglie solo l’esterno della rete. Al 77° Garrasi crossa dalla sinistra, Croci anticipa tutti e gira in porta, stavolta Cizza non può nulla e i tifosi possono esultare per il meritato gol-partita.

Settimana lunga per Lavagnese e RapalloBogliasco che mercoledì si incontreranno al Riboli per la Coppa Italia (prevedibile molto turn over da entrambe le parti), prima di arrivare all’11^ di campionato. Intensa la settimana della Lavagnese che dopo il derby con i cugini di Rapallo, andranno in trasferta nella tana del Ligorna.

Partita in trasferta anche per l’undici di Coppola che dovrà cercare punti con la squadra rivelazione Pinerolo, mentre il Sestri Levante ospita il Chieri.