Liguria

Spese pazze in Regione: prosciolto l’assessore Marco Scajola

Marco Scajola Consiglio regionale

Liguria. Marco Scajola (Fi), indagato nell’ambito dell’inchiesta sulle spese pazze al Consiglio regionale della Liguria, è stato prosciolto dall’accusa di peculato. La decisione è stata presa dal gip Carla Pastorini ed era stato lo stesso pm Francesco Pinto a chiederne l’archiviazione.

L’inchiesta fa riferimento ai rimborsi nel periodo 2010-2012, quando Scajola, ora assessore all’Urbanistica, era consigliere d’opposizione e acquistò biglietti per beneficenza per circa 3000 euro.

Dopo l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, l’assessore, difeso dall’avvocato Mario David Mascia, aveva depositato due memorie e due verbali di indagini difensive dove giustificava il suo operato. Si era anche fatto interrogare dal pm ribadendo la sua totale buona fede ed estraneità ai fatti contestati.

Nell’inchiesta risultano indagati 25 politici che avrebbero usato soldi pubblici per fare acquisti personali rimborsati poi dal Consiglio regionale.

leggi anche
Giovanni Toti e Raffaella Paita
Cronaca
Spese pazze, Paita: “No a dimissioni dei consiglieri di maggioranza. Per Pd solo contestazioni di metodo”
giunta toti
I commenti
Spese pazze, Toti: “Nessuna conseguenza su maggioranza e giunta. Legge aveva zone grigie”
melgrati scontrini morgillo
Lo sfogo
Spese Pazze, Melgrati (Forza Italia): “Basta linciaggio, dimostrerò la mia innocenza”
Marco Ghisolfo
Politica
Spese pazze, Scajola archiviato. Giovani Forza Italia: “Soddisfatti”
Edoardo Rixi
L'inchiesta
Spese pazze, il leghista Edoardo Rixi e altri 22 consiglieri a processo
cronaca
Regione
Spese pazze, il presidente Toti: “Spero che ci sia ancora lo stato di diritto”
gasco roberta
11 maggio
Spese pazze in Regione, tre ex consiglieri a processo