Quantcast
L'accordo

Ricerca sul cancro, la Lav finanzia due borse di studio al San Martino-Ist

L’obiettivo è sviluppare una ricerca cellulare senza utilizzo animali

cronaca

Genova. La lega antivivisezione (Lav) finanzia due borse di studio all’Ist-San Martino finalizzate a sviluppare un tipo di ricerca sul cancro che con contempla l’utilizzo di animali da laboratorio. Si tratta della ricerca cellulare denominata Huvec (Human Umbilical Vein Endothelial Cells), utile per lo studio della formazione di nuovi vasi sanguigni e delle funzioni delle cellule endoteliali.

L’accordo è stato presentato questa mattina nella sede della Banca biologica dell’Ircss San Martino. Il finanziamento è stato reso possibile grazie contributi ricevuti con il 5 per mille. “Queste due borse di studio sono l’ennesima dimostrazione che non solo è possibile, ma è doveroso fare una ricerca senza vivisezione – afferma la biologa Michela Kuan, responsabile LAV settore Vivisezione – Il ricorso a questo tipo di sperimentazioni presso un centro che lavora nell’ambito della ricerca sul cancro è fondamentale per mettere a disposizione della comunità scientifica campioni di tessuto tumorale, frammenti di tessuto vascolare, campioni di tessuto nervoso centrale e periferico, sangue e suoi derivati e cellule staminali”.

“Tale accordo è la prova più concreta della reale applicazione dei metodi sperimentali che non fanno uso di animali, in risposta a chi ci attacca negando l’esistenza della ricerca senza animali che invece è una realtà all’avanguardia, scientificamente affidabile e indubbiamente utile”.

Più informazioni