A1 femminile

Rapallo in cerca di conferme, Lavi: “Vincerà chi commetterà meno errori”risultati

Le gialloblù ospiti della Rari Nantes Bologna

Rapallo. Quarta giornata del campionato di Serie A1 e trasferta nel capoluogo emiliano per il Rapallo Pallanuoto, che sabato 31 ottobre, inizio ore 15, dovrà vedersela con la Rari Nantes Bologna, reduce da una sconfitta contro la capolista Messina ma vittoriosa nelle prime due giornate di campionato.

Il Rapallo, dopo la prima vittoria di stagione dello scorso sabato a scapito dell’Imperia, è in cerca di conferme. A parlare del match è Federica Lavi, che per il secondo anno consecutivo difende la porta gialloblù.

Sabato sarete impegnate nella trasferta a Bologna, squadra giovane che ha esordito bene in campionato, a parte la sconfitta col Messina che, assieme al Padova, è favorito allo scudetto. Che tipo di partita sarà?

“Sicuramente tutte e due le squadre sono in cerca di punti per cui sarà una partita tirata già dal primo minuto, loro hanno un punto a favore: giocano in casa, noi invece cercheremo di accelerare già dall’inizio per creare un break che ci potrà aiutare durante tutti e quattro i periodi. Sarà una partita che favorirà chi commetterà meno errori”.

Contro l’Imperia era praticamente obbligatorio vincere e siete riuscire a interpretare bene fin da subito la partita, a differenza dei match precedenti: a che cosa è dovuto il cambio di mentalità soprattutto nei primi due tempi?

“Durante tutta la scorsa settimana abbiamo lavorato molto sulla nostra mentalità all’approccio alla partita: essere concentrate e determinate già dal primo secondo, e questo ha portato i suoi frutti sabato. Ora dobbiamo continuare così”.

Nonostante la giovane età sei una delle giocatrici più esperte del gruppo anche grazie alla tua esperienza nelle nazionali giovanili e all’estero: una responsabilità in più o un modo per essere punto di riferimento soprattutto per le più giovani?

“Sicuramente gli anni in Grecia e le presenze in Nazionale mi hanno fatto crescere molto. In squadra cerco di essere un punto di riferimento soprattutto per costruire una buona difesa parlando con le mie compagne ed aiutandole, le responsabilità sono molte ma sono proprio queste che ti incentivano per fare sempre meglio”.

Quali sono i tuoi personali obiettivi di stagione?

“Credo che sarebbe bello riportare in piscina qualche medaglia, che sia dalla Coppa Italia o dal campionato visto che quest’anno, con la final six tutto è possibile! Poi, ovviamente, penso che il sogno di ogni atleta sia ambire all’azzurro”.