Quantcast

Lettera al direttore

Posteggi gratis per portatori di handicap, Tosi (M5S): “Attendiamo ministro Delrio”

Sempre più spesso assistiamo al vergognoso trattamento a cui vengono sottoposti gli automobilisti portatori di handicap in Liguria. L’ultimo caso – il più eclatante – è quello di un disabile che, circa un mese fa, è stato sanzionato da un dipendente della società che gestisce i parcheggi a pagamento a Rapallo. Il motivo? Ha posteggiato l’automobile all’interno delle strisce blu senza pagare l’ora di sosta.

Ma è solo l’ultimo di una lunga serie di casi che hanno visto protagonisti, loro malgrado, automobilisti possessori del contrassegno blu riservato ai disabili, a Rapallo come a Genova, nella centralissima piazza della Vittoria. Lo avevamo già fatto presente a settembre, in consiglio regionale, con una interrogazione a risposta immediata firmata dal Gruppo MoVimento 5 Stelle. Lo abbiamo ribadito ieri in aula, questa volta con una mozione, votata dal consiglio all’unanimità, ottenendo dalla giunta un impegno concreto ad intervenire presso le società che gestiscono i servizi di parking a pagamento, affinché i disabili non vengano multati.

La giunta Toti si è anche impegnata ad intervenire attraverso una direttiva dei comuni liguri per garantire a tutti i disabili il parcheggio all’interno delle strisce blu. Come? Con iniziative mirate a sostegno di quella che è a tutti gli effetti una battaglia di civiltà ma anche, e soprattutto, presso la Conferenza Stato-Regioni, per far sì che su questa questione si attivi il Ministro dei Trasporti Delrio.

Soddisfazione è arrivata da Claudio Puppo, segretario della Consulta regionale Handicap. “Sarebbe importante ed opportuno che il governatore Toti se ne facesse carico a livello ministeriale – ha spiegato Puppo – affinché venga predisposta la gratuità dei parcheggi. Per esempio si è stimato, per il Comune di Rapallo, che il mancato guadagno derivato dai parcheggi ammonta a circa 40.000 euro annui. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Delrio dovrebbe emanare una circolare o una legge ad hoc sul diritto alla mobilità dei disabili con riferimento ai parcheggi gratuiti; tale normativa dovrebbe riguardare sia i parcheggi comunali sia quelli con la licenza commerciale”.

Oggi circa l’80% dei comuni italiani, come buona prassi, permettono ancora la gratuità ai veicoli al servizio di persone disabili titolari del CUDE nelle aree a pagamento (Aree Blu e Isole azzurre comprese). “Di fatto, ad un nostro censimento del 2013 – precisa Puppo – sappiamo che in Liguria, ci sono 18 comuni (su 235) che fanno pagare detti posteggi, e nella provincia di Genova, questo accade a Lavagna, Chiavari e Rapallo (da dove è partito il ricorso al TAR del Lazio) e a Genova, solo in piazza della Vittoria”.

Noi in Regione abbiamo fatto la nostra parte. Ora la palla passa al ministro Delrio, da cui attendiamo una circolare ministeriale che vincoli i comuni alla gratuità dei posteggi per i disabili. In questo modo si supererebbe la sentenza del TAR del Lazio che ha rigettato questa possibilità (posteggi gratuiti) solo perché veniva determinata da una lettera applicativa e non da una Legge/Circolare.

Un piccolo cavillo per una grande rivoluzione di civiltà che restituisca un diritto sacrosanto ai portatori di handicap, già vessati da una burocrazia che guarda più alle casse delle società che alla tutela dei cittadini.

Fabio Tosi, portavoce MoVimento 5 Stelle in Regione Liguria