Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

NBA-Zena: Marco Margiotta è il nuovo presidente

Totalmente rinnovato il consiglio direttivo, completato da Davide Signori ed Andrea Grandi

Genova. Carlo Besana è stato di parola: aveva preannunciato, diverso tempo fa, che avrebbe lasciato la presidenza dell’NBA-Zena entro il 30 settembre e proprio il 30 settembre si è tenuta l’assemblea straordinaria dei soci del sodalizio rosanero.

Ordine del giorno: elezione dei tre soci chiamati a formare il nuovo consiglio direttivo, totalmente dimissionario.

Oltre a Carlo Besana erano infatti dimissionari anche il vicepresidente Giorgio Fugazzi ed il dirigente responsabile Laura Cabona, un “trio” molto affiatato, presente fin dal 2007 (anno in cui la società fu costituita a Celle Ligure, con il successivo trasferimento, nel 2009, a Genova).

L’assemblea dei soci ha designato Andrea Grandi, Marco Margiotta e Davide Signori, che nel corso del primo consiglio direttivo hanno definito le nuove cariche, con la presidenza affidata a Marco Margiotta, che avrà come vicepresidente Davide Signori e come dirigente responsabile Andrea Grandi.

I tre nuovi membri del consiglio direttivo erano già attivi all’interno dell’NBA-Zena: Davide Signori è da sempre il responsabile stampa ed addetto alle statistiche, Andrea Grandi ha già svolto nel corso della passata stagione il ruolo di direttore sportivo, un ruolo ulteriormente rafforzato dal nuovo incarico ufficiale per il quale potrà contare sul prezioso lavoro organizzativo già da qualche settimana affidato a Chiara Tallone.

Marco Margiotta è stato in questi anni un prezioso collaboratore di Carlo Besana, col quale aveva già collaborato, a metà anni ’90, all’interno dell’Elce Auxilium che dalla Serie B era salita fino alla Serie A2, a quei tempi terzo campionato nazionale femminile. Con l’NBA-Zena Margiotta ha vissuto dall’interno una “cavalcata” ancor più entusiasmante, con il raggiungimento della Serie A2, secondo campionato nazionale (mai raggiunto in precedenza sotto la Lanterna dal basket in rosa) e con il sogno, appena accarezzato, di una promozione nel massimo campionato nazionale.

Ora lo attende la presidenza di una società molto rinnovata sotto tutti gli aspetti, con la focalizzazione sul settore giovanile che, grazie a preziose collaborazioni con diverse altre società cittadine, può già contare su alcune decine di giovani promesse.

L’orizzonte del neo presidente però non si ferma qui, come si evince dalle sue prime dichiarazioni: “Per prima cosa voglio ringraziare l’assemblea dei soci che ha riposto la propria fiducia in me e negli altri membri del direttivo, cercherò di non deludere le loro aspettative. Posso garantire che lavorerò al meglio delle mie possibilità per continuare nel solco dell’ottimo lavoro compiuto in questi anni dalla precedente dirigenza”.

“Come tutti gli appassionati di basket genovese – prosegue – voglio vedere Genova stabilmente in Serie A con un roster interamente formato da ‘prodotti locali’ ed è su questo che continueremo a lavorare. Ovviamente c’è un piccolo sogno nel cassetto che al momento tengo per me, anche se chi mi conosce potrebbe intuirlo… Last but not least il mio particolare ringraziamento a Carlo Besana per il lavoro compiuto in questi anni, per la passione che ha sempre messo e che spero non abbia perso nonostante tutto, e per aver creduto in me”.

In questi giorni vengono messe in atto le procedure burocratiche necessarie a rendere operativo, sotto tutti gli aspetti, il nuovo consiglio direttivo; sicuramente l’ex presidente Besana sarà chiamato ad affiancare, per il tempo che sarà necessario, la nuova dirigenza: la stagione 2015/16 è già iniziata, sono già molte le incombenze cui sono chiamati dirigenti e collaboratori.

Tra queste anche la ricerca dei supporti necessari a colmare le differenze economiche che, sia pur molto inferiori al passato, vanno comunque reperite.

In questo l’ex presidente Besana ha garantito il suo impegno, che si spera possa essere coronato da maggior successo rispetto ai tempi, non molto lontani, della ricerca di sponsor per la Serie A2…