Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lotta all’evasione fiscale, il Comune di Genova recupera 1 milione e 200 mila euro

Genova. È in costante crescita il “premio” dello Stato al Comune di Genova per l’azione svolta contro l’evasione fiscale: dai 16mila euro del 2011 a circa un milione e duecentomila euro (1.195.435) quest’anno con un incremento ulteriore rispetto al 2014 (1.056.022). Il risultato è stato raggiunto grazie all’attività di collaborazione dei nostri uffici finanziari con l’Agenzia delle entrate per incrociare e verificare i dati in possesso delle amministrazioni pubbliche portando così allo scoperto casi di evasione.

Dal 2010 ad oggi il Comune ha trasmesso all’Agenzia delle entrate oltre 2.900 segnalazioni e tra queste 974 hanno richiesto accertamento fiscale. Complessivamente dal 2011 le maggiori entrate per questa attività ammontano a 3.150.000 euro.

In rapporto alla popolazione il risultato di Genova nel 2015 è il migliore d’Italia: oltre due euro per abitante. Il Comune di Milano, che è in testa alla classifica tra le città italiane per valore assoluto (2.138.000), ha realizzato 1,6 euro per abitante. “E’ un risultato rilevante, soprattutto perché in continua crescita”, osserva l’assessore al bilancio Franco Miceli.

“La lotta all’evasione fiscale – sottolinea – è una questione di giustizia in difesa della maggioranza dei cittadini onesti che non aggirano il fisco ed è giusto che venga premiato il contributo delle Amministrazioni comunali. Questa entrata contribuisce alle necessità del Comune per garantire i servizi ai cittadini. Perciò l’azione contro l’evasione è doppiamente giusta”. “Ringrazio in modo particolare – aggiunge Miceli – il personale del Comune che con grande passione e professionalità ha reso possibile questo risultato”.