Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Liguria oltre 1.100 le micro imprese della comunicazione

Genova. Sono 1.132 le microimprese artigiane liguri che fanno della comunicazione il proprio business: il 2,7% del totale nazionale (42.629 piccole imprese). Secondo i dati Unioncamere-Infocamere (relativi al secondo trimestre 2015), diffusi dall’Ufficio Studi Confartigianato, la nostra regione è settima in Italia per tasso di crescita, con un aumento dello 0,5% rispetto allo stesso trimestre del 2014. Ai primi posti Trentino Alto Adige (1.152 microimprese, +2,2%), Lombardia (7.341, +2%) e Veneto (3.770, +1,5%). In generale, il Nord ha registrato un aumento medio dell’1,3%, compensato però da un calo di circa il 2% nelle regioni del Sud.

Tra i settori più gettonati in Liguria, la stampa e la riproduzione di supporti registrati (che conta 365 microimprese), seguito dai servizi di informazione (167 realtà) e dalla produzione di software e consulenze informatiche (119 microimprese). Il comparto della pubblicità e ricerche di mercato conta 87 micro e piccole imprese, mentre nelle attività di supporto alle imprese si registrano 49 realtà artigiane liguri. Oltre a 8 attività editoriali, si contano altre 337 microimprese attive in una sfera di altre professionalità scientifiche e tecniche.

“Gli artigiani della comunicazione sono un settore in rapida espansione – commenta Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – spinto dalla “rivoluzione digitale” che sta crescendo a ritmi incalzanti. Spicca la presenza di micro e piccole imprese, espressione non solo di abilità e personalizzazione, ma anche di flessibilità di risposta alla domanda dei consumatori e delle altre imprese: una domanda sempre più complessa e sofisticata. Stare al passo con le esigenze e le novità del mercato e riuscire a innovare (e rinnovarsi), è necessario per reagire alla crisi e rilanciare la propria produttività”.

Del resto, i numeri del mercato parlano chiaro: nel 2014 le famiglie italiane hanno speso in telefoni, apparecchiature elettroniche e servizi telefonici 37,4 miliardi di euro: quasi il 257% in più rispetto ai 10,5 miliardi del 1995. Al contrario, la spesa degli italiani in prodotti su carta (dai libri ai giornali, ma anche la cancelleria) si è attestata a 8,6 miliardi, con un calo del 39,3% rispetto ai 14,2 miliardi del 1995.

Il cellulare è l’oggetto tecnologico più diffuso tra gli italiani: il 93,6% delle famiglie ne possiede almeno uno. Seguono i pc, a disposizione del 63,2% delle famiglie, il cellulare connesso a Internet (54%), la macchina fotografica digitale (50,8%). Meno diffusi, ma in crescita, gli e-book, presenti nel 6,8% delle famiglie.