Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Diagnostica non invasiva, un premio per il Gaslini

Più informazioni su

Genova. Uno studio dell’ospedale Gaslini di Genova ha identificato un nuovo metodo di diagnostica non invasivo del neurofibromatosi di tipo 1. La nuova tecnica di diagnosi della malattia consiste in una semplice fotografia della retina a luce infrarossa che permette di identificare segni tipici della malattia.

“L’identificazione di tali segni permette una diagnosi precoce e si inserisce nell’ambito della ricerca scientifica, della gestione clinica e terapeutica della neurofibromatosi, in cui l’Irrcs Gaslini svolge da anni un ruolo fondamentale”, spiega il professor Paolo Capris, direttore dell’unità operativa oculistica del Gaslini.

La ricerca, portata avanti dall’unità operativa oculistica dell’Irrcs Gaslini in collaborazione con l’unità operativa complessa di neurologia pediatrica, è stata premiata dalla società italiana di oftalmologia con il ‘premio centro studi Salmoiraghi e Vigano”, come migliore lavoro scientifico 2015.

La neurofibromatosi è una malattia genetica ereditaria, a interessamento neuro-cutaneo e osseo, che colpisce ogni anno un bambino su tremila.