Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Da Principe a Pegli, via le barriere architettoniche in 5 stazioni ferroviarie di Genova

Più informazioni su

Sono 70 in tutta Italia, a Genova se ne contano 5. Sono le stazioni ferroviarie che sono e saranno interessate da interventi di riqualificazione per eliminare le barriere architettoniche e migliorare l’accessibilità. Sotto la Lanterna ci sono Piazza Principe, Brignole, Sestri Ponente, Sampierdarena e Pegli.

Per rendere più fruibili le stazioni anche alle persone a ridotta mobilità e con disabilità è previsto l’innalzamento dei marciapiedi (a 55 cm), per facilitare entrata e uscita dai treni; la ristrutturazione dei sottopassaggi pedonali e la realizzazione di nuove rampe di accesso per collegare i binari di stazione; l’installazione e attivazione di ascensori; l’inserimento di percorsi e mappe tattili per gli utenti non vedenti; la realizzazione di nuove pensiline e il miglioramento di quelle esistenti; nuovi monitor e impianti di diffusione sonora per una più efficiente e efficacie informazione audio e video ai viaggiatori; una più chiara e visibile segnaletica di stazione; il potenziamento dell’illuminazione con luci a led; la riqualificazione architettonica delle stazioni; lo sviluppo delle aree di accesso alla stazione (parcheggi auto, stalli per la sosta delle due ruote, sistemi per facilitare salita e discesa dei viaggiatori, senza bici in spalla).

I lavori, programmati da Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) saranno conclusi entro il 2017, con un investimento complessivo di oltre 150 milioni di euro. In Liguria la cifra supera i 5 milioni. Dal 2016 saranno inoltre avviati interventi di miglioramento in altre 500 stazioni italiane per un investimento di circa 120 milioni di euro.