Tragedia

Arenzano, il relitto della Haven miete un’altra vittima: muore sub

Quando il gommone di appoggio è arrivato sul posto del sub non c'era nessuna traccia. Poi la tragica scoperta

haven

Arenzano. Una scia di sangue continua ad avvolgere il relitto della Haven, la petroliera che affondò nell’agosto del 1991. L’ultima vittima è un subacqueo, disperso da questa mattina.

Il cadavere dell’uomo, Michael Eberleh 60enne tedesco, è stato individuato poco dopo le 13.30 ed è stato recuperato a 50 metri di profondità dai sommozzatori dei vigili del fuoco e della guardia costiera, dopo che era stato avvistato attorno alle 10.50, dal compagno di immersione, un connazionale, mentre tentava di chiedere aiuto al gommone d’appoggio. Ancora da chiarire le cause della tragedia, probabilmente dovuta ad un malore durante la risalita verso la superficie.

I due erano stati accompagnati in gommone e lasciati sul punto dell’immersione da un istruttore di un diving centre di Arenzano. Il sub sarebbe riemerso sparando un pallone rosso che segnala appunto la risalita, non avrebbe utilizzato quello giallo che indica allarme. Quando il gommone di appoggio era arrivato sul posto, però, del sub non c’era nessuna traccia.

Il relitto ha quindi mietuto una nuova vittima, dopo i due sub olandesi morti nello scorso mese di maggio.

 



                
                
Più informazioni
leggi anche
haven
Codice rosso
Haven: sub salvato dai vigili del fuoco
haven
Arenzano
Tragedia sulla Haven: stessa causa, ma morti diverse per i due sub
Statua del Bambin Gesù di Praga sulla plancia della petroliera Haven
Tragedia in mare
Tragedia ad Arenzano, due sub perdono la vita sul relitto della Haven: aperta inchiesta per omicidio colposo
camera iperbarica san martino
Cronaca
Haven, immersione fatale per sub francese: aperta inchiesta, sequestrate bombole e attrezzature
sub
Indagini in corso
Tragedia a Genova: sub muore dopo un’immersione a Nervi
haven
Apprensione
Arenzano, nuovo incidente sulla Haven: sub al San Martino