Quantcast
Nel 2010

Alluvione a Sestri Ponente, il consulente della difesa: “Fu un evento eccezionale”

pioggia, maltempo

Sestri Ponente. Per il professor Ignazio Becchi, esperto di idraulica, consulente tecnico della difesa al processo per l’alluvione di Sestri Ponente dell’ottobre 2010, si trattò di un evento eccezionale, sia per l’entità delle piogge (in cinque ore sono caduti 400 mm d’acqua) che per la modalità di precipitazione.

L’alluvione mise in ginocchio l’intero quartiere e sono dieci le persone imputate per inondazione colposa. Becchi è consulente per Agostino Ramella, ex dirigente della Provincia nel settore di opere idrauliche e consolidamento del
suolo, per Paolo Tizzoni, ex vice presidente della giunta provinciale e ex assessore con delega alla difesa del suolo e per Stefano Pinasco, ex dirigente del settore idrogeologico del Comune di Genova.

Il professore ha spiegato che “quel giorno si sono abbattute due bombe d’acqua a distanza ravvicinata che hanno
fatto sì che la prima fosse raggiunta dalla seconda quando l’onda di piena non era stata ancora smaltita. Una meteora che ha scaricato una gran quantitù di acqua sul monte Gazzo”. Il docente ha spiegato che la bomba d’acqua, tra l’altro, ha interessato tutti e cinque i torrenti della zona.

Ha poi preso la parola il consulente della Provincia che ha spiegato che “gli strumenti tecnici della Provincia sono sempre stati utili a comprendere i rischi delle zone attenzionate ma il fabbisogno per intervenire è sempre stato di almeno 10 volte superiore al finanziamento disponibile da Stato e Demanio. Inoltre – ha detto – La Provincia deve pensare non solo al ponente ma anche al centro di Genova e quindi al Bisagno e ai canali di maggiore portata”.